Assegnazioni provvisorie, a Siracusa 1150 domande. Romeo (Movimento Diventerà Bellissima): è emergenza sociale

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Annalisa Romeo, componente del tavolo provinciale del Movimento Diventerà Bellissima, interviene sui dati allarmanti emersi all’indomani della presentazione delle richieste di assegnazione provvisoria dei docenti della provincia di Siracusa:

“ Sono state prodotte oltre 500 domande di assegnazione provvisoria per la primaria e 350 per l’infanzia, circa 300 per la scuola di primo e secondo grado. Quasi mille docenti deportati grazie alla L.  107 del comparto scuola – meglio conosciuta come riforma scolastica del governo Renzi -, mirabolante esempio di nullificazione della docenza che, sotto l’egida di una disastrosa mobilità affidata a fallibili algoritmi, estirpa letteralmente insegnanti dalle proprie regioni, dalle proprie famiglie, per catapultarli in sedi lontane migliaia di chilometri, veri e propri drammi esistenziali con conseguenti oneri economici facili da immaginare. Rinunce tout court, richieste di congedi gratuiti e quant’altro possa servire per non abbandonare la propria vita e le famiglie, creano oltremodo assenza di docenti nelle regioni del Nord, dove i dirigenti scolastici vedono assottigliarsi sempre più le risorse in organico e offerta formativa.

Siamo dinanzi a una vera e propria emergenza sociale quindi, che per alcune categorie (vedi infanzia e primaria), non vedrà la sua fine prima di un ventennio, visto che quest’anno, fra chi ne ha fatto richiesta, hanno fatto ritorno 5 o 6 docenti, tutti con precedenza (L. 104 personale). Se si considera pure che da quest’anno si è entrati negli ambiti regionali, significa che da ora in poi, se si diventa soprannumerari, si può essere trasferiti ovunque all’interno della regione Sicilia.

A tutto questo, come se non bastasse, si aggiunge  che l’anno scorso, con il Ccni delle assegnazioni provvisorie, si è derogato per i posti di sostegno anche a chi era senza titolo, quest’anno invece nemmeno questa possibilità e non se ne capisce la ratio; le Gae di sostegno sono quasi esaurite e a fronte di 50 docenti abilitati per ogni ordine e grado, sono stati autorizzati 370 posti in deroga. Quindi più di 300 famiglie vedranno i loro figli seguiti da insegnanti non specializzati e altrettanto saranno in bilico.

Soluzione? Forse un corso di riconversione professionale sul sostegno, così come fece nel 2009 il ministro Gelmini dopo i tagli agli ITP. Ma è solo un’ipotesi. Alla luce di questa sintesi preoccupante, il movimento Diventerà Bellissima sente l’urgenza di approfondire la questione- peraltro sottaciuta dai maggiori mass media- esprimendo piena solidarietà ai docenti e richiedendo con fermezza l’intervento solerte e propositivo da parte degli organi amministrativi in seno alla Regione siciliana, in particolare modo a quell’assessorato appartenente alla stessa area politica che ha partorito una delle leggi sul sapere fra le più deleterie degli ultimi 50 anni”.

Versione stampabile
anief anief
soloformazione