Assegnazioni provvisorie: si scelgono solo scuole e non c’è chiamata diretta. La vittoria della contrattazione dei sindacati

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Le domande di assegnazione provvisoria sono on line per infanzia e primaria, forniamo la corretta interpretazione sulla compilazione dei modelli di domanda su Istanze on line.

Come abbiamo già anticipato nelle nostre schede e nella consulenza (http://chiediloalalla.orizzontescuola.it), nella domanda è possibile esprimere solo codici scuola e codici provincia, non ambiti territoriali.

Si tratta di una delle novità del contratto su utilizzazioni e assegnazioni provvisorie dell’a.s. 2017/18.

Contrariamente a quanto previsto dalla legge 107/2015, la contrattazione ha derogato per l’a.s. 2017/18 alle assegnazioni provvisorie su ambito territoriale, facendole rimanere su scuola. Di conseguenza, non ci sarà chiamata diretta.

Ottenuta l’assegnazione provvisoria, il docente prenderà servizio nella scuola assegnata dall’Ufficio Scolastico in base a eventuali precedenze, punteggio e preferenze espresse nel modello di domanda. Preferenze che, come è possibile appurare nel modello di domanda ora on line, sono solo su scuola o provincia.

Si può quindi inserire codice scuola o codice provincia. In quest’ultimo caso solo per le richieste di assegnazione interprovinciale

Per la scuola dell’infanzia e primaria è possibile indicare fino a 20 preferenze, mentre è possibile indicarne sino a 15 per la scuola secondaria di I e II grado.

Clicca qui per scaricare gli allegati da inserire nella domanda.

Clicca qui (Il vademecum) per tutte le informazioni necessarie alla compilazione e presentazione della domanda.

Clicca qui per caricare gli allegati.

Versione stampabile
anief anief voglioinsegnare