Assegnazioni provvisorie: ritirato emendamento per assunti entro l’a.s. 2015/16. Neoimmessi in ruolo rischiano il blocco triennale

WhatsApp
Telegram

Salvo Altadonna, rappresentante di alcuni docenti assunti nel piano straordinario di immissioni in ruolo 2015/16 riferisce che l'emendamento per concedere anche nel'a.s. 2016/17 l'assegnazione provvisoria agli assunti entro l'a.s. 2015/16 è stato ritirato dal Decreto Milleproroghe. 

Salvo Altadonna, rappresentante di alcuni docenti assunti nel piano straordinario di immissioni in ruolo 2015/16 riferisce che l'emendamento per concedere anche nel'a.s. 2016/17 l'assegnazione provvisoria agli assunti entro l'a.s. 2015/16 è stato ritirato dal Decreto Milleproroghe. 

"Con il ritiro dell'emendamento 1.64 on. Parrini ed altri – racconta amareggiato Salvo Altadonna – i posti che annualmente venivano dati alle assegnazioni provvisorie e incarichi annuali, saranno assegnati per scorrimento delle graduatorie ad esaurimento e di istituto."

Il testo dell'emendamento prevedeva "Dopo il comma 10, aggiungere il seguente:

  10-bis. Il termine dell'anno scolastico 2015/2016 di cui all'articolo 1, comma 108, penultimo periodo, della legge 13 luglio 2015, n. 107, è prorogato, per l'assegnazione provvisoria sui posti dell'organico dell'autonomia nonché sul contingente di posti di cui all'articolo 1, comma 69, della legge n. 107 del 2015, all'anno scolastico 2016/2017 per i docenti assunti a tempo indeterminato entro l'anno scolastico 2015/2016."

Il che vuol dire che in atto non saranno previste assegnazioni provvisorie per le categorie di docenti che sono obbligati al vincolo triennale nella provincia di immissione in ruolo. 

Salvo Altadonna commenta altresì  "Esistono ancora due possibilità.

1 martedi, in aula alla camera, viene inserito nuovo emendamento, sempre che non venga posto il voto di fiducia che fa decadere tutti gli emendamenti.

2 il governo propone un maxiemendamento con voto."

"Tutto dipende dal MEF – conclude Altadonna –  che ha daro parere contrario senza comprendere che per le casse dello stato dare le assegnazioni o stipulare contratti a tempo determinato ha un bilancio pari a zero.

Si perché se da Milano ricevo l'assegnazione provvisoria a Palermo va da se che sul mio posto andrà un supplente milanese, viceversa se non mi viene data l'assegnazione, io resto a Milano e a Palermo andrà nominato un supplente. I casi quindi sono due o il MEF non conosce i meccanismi del MIUR o c'è qualcuno che gioca con migliaia di vite."

Non sappiamo se ci fossero altri emendamenti analoghi e quale sia il loro destino. 

WhatsApp
Telegram

ASUNIVER e MNEMOSINE, dottorato di ricerca in Spagna: cresci professionalmente e accedi alla carriera universitaria con tre anni di congedo retribuito