Assegnazioni provvisorie: rischio si concludano a settembre, a lezioni iniziate. Prima ci saranno le immissioni in ruolo

di redazione
ipsef

L'intreccio tra mobilità con assegnazione ai docenti dell'ambito di titolarità, operazione della chiamata diretta per l'assegnazione ai docenti della sede di servizio, utilizzazioni e assegnazioni provvisorie e immissioni in ruolo sembra complicarsi.

L'intreccio tra mobilità con assegnazione ai docenti dell'ambito di titolarità, operazione della chiamata diretta per l'assegnazione ai docenti della sede di servizio, utilizzazioni e assegnazioni provvisorie e immissioni in ruolo sembra complicarsi.

Nella nota con la quale il Miur ha dato avvio alle domande per le utilizzazione e le utilizzazioni provvisorie (inutile dire che tali operazioni avvengano come ogni anno senza che il relativo contratto abbia ancora ricevuto il benestare da parte della Funzione Pubblica), leggiamo

"Le operazioni di utilizzo e assegnazione provvisoria saranno avviate dalle SS.LL. per ciascun ordine di scuola dopo l'assegnazione alle sedi di servizio dei docenti titolari di ambito territoriale a seguito di mobilità e dopo l'assegnazione agli ambiti dei docenti neo immessi in ruolo"

Quindi prima dovranno essere concluse non solo le operazioni relative alla chiamata diretta – e già saremo al 31 agosto – ma anche la procedura di assegnazione dell'ambito territoriale (non la sede di servizio) ai neoimmessi in ruolo per l'a.s. 2016/17.

Procedura per la quale quest'anno gli Uffici Scolastici hanno tempo – grazie alla legge 89/2016 – fino al 15 settembre, data posticipata rispetto al canonico 31 agosto per consentire alle commissioni del concorso 2016 di poter svolgere più serenamente il proprio lavoro ma nello stesso tempo poter avere quante più graduatorie di merito pronte per i ruoli 2016 (impossibile ad es. per infanzia e primaria).

Ecco dunque che probabilmente il 1° settembre i Collegi dei docenti si ritroveranno con una composizione ancora imperfetta. Per carità ci siamo ormai abituati da anni e una soluzione la si è sempre trovata (si scelgono delle scuole di appoggio per garantire la presa di servizio o la si fa nella scuola della provincia di titolarità), ma è anche vero che spesso la parte propedeutica del lavoro collegiale di coordinamento è spesso fondamentale per le attività da avviare nel corso dell'anno scolastico.

Assegnazioni provvisorie e utilizzazioni, date ufficiali e indicazioni presentazione domande su Istanze on line, precisazioni per scambio sede

Versione stampabile
anief anief
soloformazione