Assegnazioni provvisorie, quand’è il mio turno? La sequenza operativa in base alla tipologia di posto

di Giovanna Onnis
ipsef

item-thumbnail

Le operazioni di assegnazione provvisoria vengono disposte secondo la sequenza operativa riportata nell’allegato 1 del CCNI 2018/19, dove rispetto al contratto 2017/18, è stata aggiunta un’operazione relativa alle assegnazioni provvisorie interprovinciali sul sostegno per docenti non specializzati, movimento annuale non consentito per l’a.s. 2017/18.

L’Ufficio territorialmente competente che dispone una assegnazione provvisoria o una utilizzazione interprovinciale è tenuto a darne immediata comunicazione all’Ufficio territorialmente competente di provenienza degli interessati.

Le assegnazioni provvisorie, distinte in base alla tipologia di posto , alla classe di concorso, al grado di istruzione o alla provincia richiesta, rientrano nelle seguenti operazioni, così come indicate nel succitato allegato 1 del CCNI 2018/19:

Operazione n.8

Riguarda i titolari su posto di sostegno che chiedono AP sul sostegno nella provincia di titolarità:

8- Assegnazione Provvisoria su sostegno del docente titolare su tipo posto di sostegno nella provincia

Con il seguente chiarimento nella nota allegata:

Il personale docente beneficiario delle precedenze di cui all’art. 8 viene trattato con priorità, nell’ordine previsto (escluse le lettere m ed r). Ivi compresi i docenti trasferiti su ambito territoriale

Si ritiene importante chiarire che le precedenze previste nelle lettere m) ed r) sono escluse perché riguardano esclusivamente le assegnazioni provvisorie interprovinciali

Operazione n.16

Riguarda i titolari di posto comune, specializzati sul sostegno, compresi i docenti trasferiti su ambito, che chiedono AP sul sostegno nella provincia di titolarità:

16- Assegnazione provvisoria su sostegno del docente titolare di posto comune nella provincia.

Il personale docente beneficiario delle precedenze di cui all’art. 8 viene trattato con priorità, nell’ordine previsto.

Operazione n.33

Riguarda i titolari di posto comune provenienti da altro ruolo/classe di concorso, compresi i docenti trasferiti su ambito, che chiedono AP su posto comune nella provincia di titolarità:

33- Assegnazione provvisoria nella provincia su tipo posto comune.

Il personale docente beneficiario delle precedenze di cui all’art. 8 viene trattato con priorità, nell’ordine previsto.

Operazione n.36

Riguarda i docenti titolari sul sostegno o titolari su posto comune e provvisti del titolo di specializzazione, compresi i docenti trasferiti su ambito, che chiedono AP sul sostegno in provincia diversa da quella di titolarità:

36- Assegnazione provvisoria su sostegno da altra provincia del docente in possesso del prescritto titolo di specializzazione.

In caso di concorrenza tra titolari su sostegno e titolari su posto comune o classe di concorso prevale l’istanza del docente titolare di sostegno.

In ciascuna delle predette operazioni , il personale docente beneficiario delle precedenze di cui all’art. 8 viene trattato con priorità, nell’ordine previsto.

Operazione n.39

Riguarda i docenti titolari su posto comune, compresi i docenti trasferiti su ambito, che chiedono AP su posto comune in provincia diversa da quella di titolarità:

39- Assegnazione provvisoria su tipo posto comune dei docenti provenienti da altra provincia.

Il personale docente beneficiario delle precedenze di cui all’art. 8 viene trattato con priorità, nell’ordine previsto.

Operazione n.41

Riguarda i docenti titolari su posto comune, non specializzati sul sostegno, in possesso dei requisiti previsti nell’art.7 comma 16 del CCNI 2018/19, che chiedono AP sul sostegno in provincia diversa da quella di titolarità:

41- Assegnazione provvisoria dei docenti provenienti da altra provincia, sforniti di titolo di specializzazione, purché stiano per concludere il percorso di specializzazione sul sostegno o, in subordine, abbiano prestato almeno un anno di servizio – anche a tempo determinato – su posto di sostegno.

Il personale docente beneficiario delle precedenze di cui al punto IV dell’articolo 8 lett. g), I) e m) viene trattato con priorità nell’ ordine previsto.

Ordine dei docenti coinvolti nelle assegnazioni provvisorie interprovinciali sul sostegno

I docenti interessati alle assegnazioni provvisorie interprovinciali sul sostegno, in presenza di disponibilità residue dopo le utilizzazioni e assegnazioni provvisorie provinciali, saranno soddisfatti nella loro richiesta, come abbiamo chiarito nelle nostre FaQ, nel seguente ordine:

1- Docenti di ruolo titolari su posto di sostegno
2- Docenti di ruolo titolari su posto comune in possesso del titolo di specializzazione

3- Docenti di ruolo titolari di posto comune, sprovvisti del titolo di specializzazione (ma in possesso dei requisiti richiesti dall’art.7 comma 16 del CCNI 2018/19) che non sono stati soddisfatti nell’assegnazione provvisoria interprovinciale per lo stesso o diverso ordine di scuola o posto di titolarità.

Questi docenti concorrono per l’AP sul sostegno su eventuali posti residui in quanto il loro movimento è disposto in subordine al personale fornito di titolo di specializzazione

I posti residui sono quelli che rimangono dopo l’accantonamento di un numero di posti pari ai docenti forniti di titolo di sostegno presenti nelle GAE nonché nelle graduatorie di istituto ivi comprese le fasce aggiuntive.

A conclusione delle assegnazioni indicate al punto 3, che rientrano nell’operazione n.41 della sequenza operativa, in presenza di posti residui, questi saranno assegnati a docenti a tempo determinato senza specializzazione.

Lo speciale sulle assegnazioni provvisorie

Versione stampabile
anief
soloformazione