Assegnazioni provvisorie, eliminata possibilità di cambio cattedra con collega. Lettera

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Sono un docente di ruolo nella scuola secondaria superiore, Vi segnalo una questione per me molto importante della quale nessuno ha parlato.

L’IPOTESI del  NUOVO CCNI per le ASSEGNAZIONI PROVVISORIE A.S. 2017/2018 non prevede l’Assegnazione Interprovinciale a Scambio tra Colleghi della stessa disciplina così come era previsto lo scorso anno (art. 7 comma 13 CCNI 2016/2017).

Se il Contratto non verrà integrato con la possibilità di scambio per chi non otterrà l’assegnazione ordinaria,

diversi docenti, tra cui il sottoscritto, saranno costretti a viaggiare tutto l’anno e per sempre, (vista la totale assenza di posti in molte classi di concorso) .

Personalmente non capisco il motivo, visto che l’eccezionalità dovuta agli effetti della  legge 107 é stata riconosciuta anche quest’anno con la conseguente deroga al vincolo triennale.
Pertanto Non vedo l’utilità di eliminare un articolo così importante che da respiro a tanti docenti che non potendo ottenere l’assegnazione ordinaria per mancanza di posti (docenti immobilizzati), possono attraverso lo scambio ottenere il rientro nella propria provincia di residenza almeno per un anno.

Premesso che la normativa tutela l’avvicinamento alla propria famiglia nella provincia di residenza (vedasi deroga al vincolo triennale) mi sembra quanto meno una contraddizione in termini l’ipotesi di contratto pubblicata in questi giorni che senza ragione o comunque alcun nocumento nei confronti della istituzione scolastica, anzi nessun vantaggio per essa in quanto i docenti sono disagiati, è determinata solamente a creare scompigli e disagi notevoli all’interno della conduzione familiare dei docenti interessati, come si puó facilmente immaginare.

Chiedo pertanto se la vostra autorevole Testata può segnalare la cosa nella speranza che qualcuno tra Ministero e sindacati si accorgano di quella che può essere stata una semplice dimenticanza, per  intervenire in tal senso e provvedere all’ integrazione del CCni sulla mobilità annuale con la possibilità di chiedere Assegnazione Interprovinciale a scambio per quei docenti che non otterranno l’assegnazione ordinaria, così come sapientemente fatto lo scorso anno.

Vi ringrazio in anticipo per quanto potrete fare, in attesa di un vostro gentile riscontro alla presente,  invio cordiali saluti.

Prof. Danilo Malarbì

Versione stampabile
anief anief voglioinsegnare