Assegnazioni provvisorie e utilizzazioni: movimenti sul sostegno hanno la priorità. Quest’anno pubblicati in anticipo

WhatsApp
Telegram

I movimenti annuali, sia le utilizzazioni che le assegnazioni provvisorie, di qualsiasi tipologia, provinciali e interprovinciali, su altra classe di concorso, tipologia di posto e grado di istruzione, vengono disposti secondo un preciso ordine, salvaguardando, però, il contingente di assunzioni a tempo indeterminato previsto per il prossimo anno scolastico 2021/22.

Movimenti sul sostegno, hanno la priorità

Le operazioni finalizzate alla copertura dei posti di sostegno con docenti provvisti dell’apposito titolo di specializzazione, precedono le operazioni finalizzate alla copertura dei posti comuni.
Questo, come esplicitato nell’art.9 comma 2 del CCNI, ha come finalità quella di individuare tutti i posti disponibili per le operazioni di utilizzazione e quindi effettuando preliminarmente tutte le operazioni di sistemazione del personale titolare di sede; in particolare per massimizzare i posti disponibili, le utilizzazioni vengono effettuate privilegiando le operazioni che liberino posti per le fasi successive.

Questi movimenti possono interessare anche docenti curricolari, non perdenti posto, in possesso del titolo di specializzazione, che chiedono utilizzazione sul sostegno nel grado di titolarità.
In questo caso le utilizzazioni saranno disposte dopo aver accantonato un numero di posti di sostegno corrispondente ai docenti specializzati aventi titolo all’assunzione a tempo indeterminato per l’anno scolastico cui si riferiscono le operazioni di mobilità annuale.

I docenti curricolari specializzati sul sostegno possono chiedere anche assegnazione provvisoria sul sostegno, ma in subordine rispetto alla tipologia di posto di titolarità.
Avranno in ogni caso precedenza , sia per le utilizzazioni che per le assegnazioni provvisorie, i docenti titolari sul sostegno rispetto ai docenti titolari su posto comune

Movimenti su posto comune

Nell’ambito della mobilità annuale su posto comune, precedono i movimenti riguardanti la classe di concorso di titolarità rispetto a quelli che interessano un’altra classe di concorso o un altro grado di istruzione, sempre nell’ambito della provincia di titolarità

Movimenti interprovinciali

Una volta disposte le utilizzazioni e assegnazioni provvisorie in ambito provinciale, seguono i movimenti interprovinciali, che vengono disposti prioritariamente sul sostegno e dopo su posto comune

Ordine dei movimenti

Le operazioni di mobilità annuale vengono disposte, quindi, secondo l’ordine stabilito nella sequenza operativa indicata nell’Allegato 1 del contratto, come di seguito indicato:
1- Operazioni riguardanti i titolari su posto di sostegno
2- Operazioni su sostegno dei titolari di posto comune nella provincia
3- Operazioni su posto comune
4- Operazioni riguardanti i titolari di posto comune provenienti da altro ruolo/classe di concorso nella provincia
5- Operazioni su sostegno dei titolari in altra provincia
6- Operazioni su posto comune riguardanti i titolari provenienti da altra provincia
7- Operazioni su posto di sostegno di cui all’articolo 7, comma 14 (assegnazioni provvisorie interprovinciali sul sostegno dei docenti non specializzati)
8- Operazioni di assegnazione provvisoria docenti DDG 85/2018

Tutte le operazioni di utilizzazione e assegnazione provvisoria devono improrogabilmente essere effettuate entro il 31 agosto dell’anno scolastico di riferimento , quindi entro il 31 agosto 2021.

Tuttavia il Ministro ha già anticipato la volontà di anticipare le operazioni relative all’anno scolastico 2021/22, in modo da garantire la presenza dei docenti in servizio già dal 1° settembre. Questo dovrebbe evitare quanto accaduto lo scorso anno scolastico, con assegnazioni provvisorie disposte il 31 agosto pomeriggio.

Assegnazioni provvisorie e utilizzazioni docenti 2021: chi può presentare domanda, preferenze e punteggio [GUIDE]

WhatsApp
Telegram

ASUNIVER e MNEMOSINE, dottorato di ricerca in Spagna: cresci professionalmente e accedi alla carriera universitaria con tre anni di congedo retribuito