Assegnazioni provvisorie docenti 2022, su sostegno anche senza titolo. Requisiti, dichiarazioni, ordine operazione e compilazione istanza

WhatsApp
Telegram

I docenti, che chiedono assegnazione provvisoria interprovinciale, possono richiederla anche su posti di sostegno senza titolo di specializzazione. Requisiti, dichiarazioni, precedenze, ordine operazione e compilazione istanza online.

Domande

Le domande di assegnazione provvisoria e utilizzazione si possono presentare dal 20 giugno al 4 luglio 2022, tramite Istanze Online, cui accedere con le credenziali SPID. Qui le nostre guide

Tutti i docenti di ruolo in possesso dei previsti requisiti possono presentare domanda, compresi gli immessi in ruolo nell’a.s. 2020/21 e nell’a.s. 2021/22, in deroga a quanto previsto dall’articolo 399, comma 3, del D.lgs. n. 297/94, come modificato dal DL n. 126/2019, convertito in legge n. 159/2019 e in virtù della proroga del CCNI 2019/22 che non presenta alcun vincolo.

Non possono presentare istanza soltanto i docenti assunti giuridicamente dall’a.s. 2022/23 e i docenti assunti da GPS prima fascia, tramite la procedura straordinaria prevista dall’art. 59/4 del DL n. 73/2021, convertito in legge n. 106/2021.

Leggi qui per requisiti, richiesta posto/classe di concorso, preferenze e precedenze

Motivi

L’assegnazione provvisoria si può chiedere, per una sola provincia, a condizione che ricorra uno dei seguenti motivi:

  • ricongiungimento ai figli o agli affidati di minore età con provvedimento giudiziario;
  • ricongiungimento al coniuge/parte dell’unione civile ovvero al convivente, ivi compresi parenti o affini, purché la stabilità della convivenza risulti da certificazione anagrafica;
  • gravi esigenze di salute del richiedente, comprovate da idonea certificazione sanitaria;
  • ricongiungimento al genitore.

Assegnazione su sostegno senza titolo

Ricorrendo uno dei succitati motivi, anche il docente senza titolo di specializzazione può chiedere l’assegnazione provvisoria su posto di sostegno.

Requisiti

L’assegnazione su sostegno senza titolo di specializzazione può essere chiesta, solo se:

  • trattasi di assegnazione provvisoria interprovinciale;
  • il docente interessato stia per concludere il percorso di specializzazione o, in subordine, abbia prestato almeno un anno di servizio (anche a tempo determinato) su posto di sostegno.

Riguardo all’ultimo punto sopra riportato, si precisa che nel CCNI non è previsto che l’anno di servizio su sostegno sia stato svolto nello specifico grado per cui si chiede l’assegnazione provvisoria, ossia quello di titolarità. Pertanto, è possibile sfruttare un precedente servizio, svolto anche da precari e su altro grado.

Precedenze

Nell’operazione suddetta, ossia di assegnazione provvisoria interprovinciale su sostegno senza titolo, hanno la priorità, nell’ordine, i docenti beneficiari delle precedenze di cui all’articolo 8, punto  IV – lettere g), l) ed m), del CCNI 2019/22:

Punto IV. Assistenza:

  1. g) docenti destinatari dell’art. 33, commi 5 e 7, della legge n. 104/92 che siano genitori, anche adottanti o chi eserciti legale tutela, di soggetto con disabilità in situazione di gravità; tale precedenza, alla stregua della scomparsa dei genitori, è riconosciuta ad uno dei fratelli/sorelle conviventi del soggetto con grave disabilità, qualora entrambi i genitori siano impossibilitati a provvedere all’assistenza del figlio disabile grave perché totalmente inabili;
  2. l) lavoratrici madri e lavoratori padri anche adottivi o affidatari con prole d’età inferiore ai sei anni (sono presi in considerazione i figli che compiono i sei anni tra il 1° gennaio e il 31 dicembre dell’anno in cui si effettua il movimento, ossia tra il 1° gennaio e il 31 dicembre 2022). In caso di adozioni e di affidi, i sei anni si intendono dall’ingresso del minore in famiglia;
  3. m) lavoratrici madri e lavoratori padri anche adottivi o affidatari con prole d’età superiore ai sei anni e inferiore ai dodici anni (sono presi in considerazione i figli che compiono i dodici anni tra il 1° gennaio e il 31 dicembre 2022). In caso di adozioni e di affidi, i dodici anni si intendono dall’ingresso del minore in famiglia.

Dichiarazioni 

I docenti suddetti devono allegare alla domanda online:

  1. l’autodichiarazione relativa al percorso di specializzazione su sostegno, ancora da concludersi oppure
  2. l’autodichiarazione relativo all’anno di servizio svolto su sostegno

Come caricare gli allegati (guida per immagini)

Compilazione domanda 

Ai fini della compilazione della domanda, i docenti, richiedenti assegnazione provvisoria interprovinciale su sostegno senza titolo di specializzazione, devono accedere alla pagina di IOL con le sezioni della domanda (al riguardo leggi qui):

Raggiunta la suddetta pagina, si deve cliccare su “Tipologia di posto richiesta/Titoli di specializzazione” (la sezione presenta differenze nei vari gradi di istruzione, che riportiamo di seguito):

Scuola dell’infanzia:

Scuola primaria: 

Scuola secondaria di primo e secondo grado

Come si può notare, le differenze riguardano le tipologie di posto da richiedere, tuttavia il campo relativo alla richiesta di posti di sostegno senza titolo è uguale in tutte le domande (eccetto che per il numero che lo contraddistingue). Ai fini della compilazione del predetto campo, si deve cliccare su “Modifica” in fondo alla pagina:

Dopo aver cliccato su “Modifica”, si può procedere alla compilazione del campo, inserendo “SI” in corrispondenza del requisito di cui si è in possesso: “In conclusione del corso di specializzazione per il sostegno” oppure “Ha prestato almeno un anno di servizio su posto di sostegno”:

Come si vede dall’immagine precedente, è fleggato anche il campo “Posti normali”, in quanto la richiesta su sostegno è aggiuntiva rispetto alla classe di concorso/posto di titolarità.

Compilato il campo, come detto sopra, cliccare su “Salva” in fondo alla pagina.

Ordine operazione 

L’assegnazione provvisoria interprovinciale su posto di sostegno dei docenti senza titolo di specializzazione, è il penultimo movimento nell’ambito di tutte le operazioni di utilizzazione e assegnazione provvisoria, come leggiamo nell’Allegato 1 “Sequenza operativa: Utilizzazioni, Assegnazioni provvisorie e assegnazioni di sede provvisoria – personale docente” al CCNI 2019/22, ed è contrassegnato dal n. 41:

Assegnazione provvisoria dei docenti provenienti da altra provincia, sforniti di titolo di specializzazione, purché  stiano per concludere il percorso di specializzazione sul sostegno o, in  subordine, abbiano prestato almeno un anno di servizio – anche a tempo determinato – su posto di sostegno. Il personale docente beneficiario delle precedenze di cui al punto IV
dell’articolo 8 lett. g), l) e m) viene trattato con priorità nell’ordine previsto.

Assegnazioni provvisorie e utilizzazioni docenti 2022: guide compilazione domanda, modulistica, risposte ai quesiti. Con video guida completa [LO SPECIALE]

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur