Assegnazioni provvisorie docenti 2022, come inoltrare la domanda e annullare l’invio. GUIDA PER IMMAGINI

WhatsApp
Telegram

Presentazione domanda assegnazione provvisoria 2022/23: come procedere all’inoltro e all’eventuale annullo dell’istanza. Guida per immagini.

Domanda

Le domande di assegnazione provvisoria (e utilizzazione) si possono presentare dal 20 giugno al 4 luglio 2022, tramite Istanze Online, cui accedere con le credenziali SPID (la domanda è cartacea solo per gli insegnanti di religione cattolica e per il personale educativo).

Leggi qui per i requisiti e per chi può presentare domanda

Le domande si compongono delle seguenti sezioni:

  • Precedenze
  • Esigenze di famiglia
  • Ordine trattamento domanda (solo per i titolari in altro grado di istruzione)
  • Altre indicazioni
  • Tipologia di posto richiesta/Titoli di specializzazione
  • Abilitazioni/classi di concorso – ulteriori classi di concorso per cui si chiede assegnazione provvisoria oltre a quella di titolarità (per la sola scuola secondaria di primo e secondo grado)
  • Preferenze
  • Allegati

Prima di procedere alla compilazione della domanda, con le relative sezioni, è necessario:

  • accedere all’istanza
  • scegliere la provincia
  • scegliere  il grado di istruzione

Per le operazioni predette leggi “Assegnazione provvisoria docenti 2022, accesso alla domanda, scelta provincia e grado di istruzione di titolarità e non. GUIDA PER IMMAGINI

Inoltro domanda

Una volta compilate tutte le sezioni, per procedere all’inoltro della domanda si deve ritornare (se si sta compilando, si termina e si intende inoltrare) ovvero entrare nella pagina dove si visualizzano le istanze, quindi cliccare su “Invia”:

Cliccando su “Invia”, il sistema chiede la “Conferma”:

Cliccando su “Conferma” (vedi immagine precedente), la domanda è inviata all’USP competente (non è dunque necessario il codice personale), contestualmente è inviata una mail di avvenuto inoltro all’indirizzo indicato dall’interessato su Istanze Online; una copia della domanda inviata, inoltre, è presente nell’Archivio, che si trova nella pagina riservata del predetto portale ministeriale:

Cliccando su “Chiudi” (vedi immagine precedente), si ritorna alla pagina con le domande e si visualizza che l’istanza è stata inviata:

Annullo inoltro

Sino al prossimo 4 luglio, qualora ad esempio si dovessero riscontrare degli errori ovvero si cambiasse idea in merito alle preferenze espresse o per qualsiasi altro motivo, è possibile annullare la domanda già inviata e inoltrarla nuovamente; a tal fine, è necessario entrare nella pagina ove si visualizza l’istanza (vedi immagine precedente) e poi cliccare su “Annulla invio”:

Il sistema chiede poi se si può procedere con l’annullamento; a tal fine cliccare su “Conferma”:

Una volta cliccato su “Conferma”, l’invio è annullato; l’annullo è notificato all’interessato con una mail e nella sezione archivio è presente l’istanza annullata:

Cliccando su “Chiudi”, si ritorna alla pagina con le domande compilate; quella annullata è ancora presente. Evidenziamo che con l’annullo non si perdono i dati inseriti, per cui è sufficiente apportare le modifiche necessarie e procedere ad un nuovo invio (come sopra illustrato):

Assegnazioni provvisorie e utilizzazioni docenti 2022: guide compilazione domanda, modulistica, risposte ai quesiti. Con video guida completa [LO SPECIALE]

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur