Assegnazioni provvisorie, Cozzetto (Anief): “Bene accordo, ma serve altro. Chieste almeno tre settimane per inoltrare la domanda” [VIDEO]

WhatsApp
Telegram

Durante la trasmissione Question Time, in onda sui canali social di Orizzonte Scuola, Chiara Cozzetto, rappresentante della segreteria di Anief, ha dato degli aggiornamenti in merito alla trattativa sul CCNI utilizzazioni e assegnazioni provvisorie anni scolastici 2023/2024, 2024/2025, 2025/2026 del personale scolastico.

Il confronto è servito a stabilire che in vista di settembre 2023 potranno presentare domanda anche i docenti assunti dalle GPS in prima fascia Sostegno e dal concorso Straordinario bis, con contratto a tempo determinato stipulato nell’anno scolastico 2022/23 e che abbiano completato con esito positivo il percorso annuale di formazione iniziale e prova. Inoltre, è stata eliminata la clausola del referente unico per le precedenze relative alla legge 104/92.

“Come sindacato, speravamo nella possibilità di elaborare un vero e proprio contratto per le assegnazioni provvisorie e le utilizzazioni. Siamo rappresentativi dal 2018 e firmatari del CCNL dallo scorso anno. Non avevamo firmato il precedente contratto nazionale integrativo sulle assegnazioni provvisorie e volevamo modificare sia quello che quello dei trasferimenti, perché ritenevamo obsolete alcune previsioni e che le tabelle dovessero essere aggiornate. Sicuramente procederemo in tal senso il prossimo anno”, spiega

“Il contratto nazionale sulle assegnazioni sarà triennale dal prossimo anno ed entreranno in vigore dei vincoli, ai quali siamo da sempre contrari. Proponevamo un contratto annuale e di rinviare all’anno successivo l’elaborazione delle procedure per l’attuazione della norma, sperando in emendamenti che eliminassero i vincoli per il personale neo assunto”, aggiunge.

“Tuttavia, non essendo possibile un contratto annuale, il Ministero ci ha proposto un accordo di interpretazione autentica della norma del contratto, con un’ultrattività del contratto scaduto. Questa interpretazione autentica è per noi importante perché prevede la possibilità per i docenti assunti a tempo determinato nell’anno scolastico in corso, e in particolare i docenti assunti da GPS sostegno e dallo straordinario Bis, di presentare la domanda cartacea di assegnazione provvisoria. Lo scorso anno lo stesso tavolo, cui noi non partecipavamo, non ha ottenuto questo risultato”, sottolinea.

“Incontreremo presto il Ministero e ci invieranno la versione definitiva dell’accordo di interpretazione autentica che prevede l’ultrattività del contratto precedente e una specifica per gli assunti a Gps e dallo straordinario bis, che potranno presentare domanda cartacea di assegnazione provvisoria. Riteniamo questo un risultato importante, sebbene avessimo preferito un contratto nuovo e non un’ultrattività. Si tratta di una proroga di ciò che è già in vigore, non di un contratto nuovo e completamente definito e come sindacato volevamo proporre consistenti modifiche ai precedenti CCNI”, continua.

“Il Ministero ci ha detto di voler far partire quanto prima la procedura di presentazione delle domande, ma non ci ha comunicato una data precisa. Abbiamo chiesto un’apertura delle domande di almeno 3 settimane, il Ministero si esprimerà a breve anche su questo“, conclude.

WhatsApp
Telegram

Concorso docenti 2024/25, bando a novembre: cosa studiare e come prepararsi. Corso di formazione, libro “Studio rapido” e simulatore per la prova scritta