Assegnazioni provvisorie 2018/19 il testo del contratto: novità, requisiti, sostegno, preferenze e precedenze, ATA. Il nostro speciale

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Pubblichiamo l’annuale speciale sulle assegnazioni provvisorie per l’a.s. 2018/19, contenente la normativa, i nostri articoli, le nostre guide e tutte le informazioni utili alla presentazione delle domande.

Assegnazioni provvisorie e utilizzi 2018/19, come si compila la domanda. Vademecum e autodichiarazione sostegno

Personale ATA

ATA, domanda assegnazioni provvisorie dal 23 luglio. Il modello cartaceo

L’Intesa

Assegnazioni provvisorie: siglata intesa MIUR-Sindacati, posta attenzione agli alunni con disabilità e agli insegnanti con figli minori di 12 anni

Presentazione domande

Le domande vanno presentate tramite Istanze OnLine, secondo il seguente calendario:

  • scuola primaria e dell’infanzia: 13 – 23 luglio
  • scuola secondaria di primo e secondo grado: 16 – 25 luglio

Presentano le domande in formato cartaceo:

  • il personale utilizzato nelle discipline specifiche dei licei musicali: 16 – 25 luglio
  • il personale educativo e docenti di religione cattolica: 16 – 25 luglio
  • il personale ATA: 23 luglio – 3 agosto

Normativa

Il testo del contratto nota trasmissione

nota ATA

Novità

Il Contratto, rispetto a quello dello scorso anno, presenta delle novità, che elenchiamo di seguito:

  • eliminato il requisito della convivenza per poter richiedere il ricongiungimento al genitore;
  • eliminato l’obbligo di dover esprimere tutte le scuole del comune di ricongiungimento prima di poter esprimere scuole di altri comuni;
  • reintrodotta la possibilità di ricongiungersi ai parenti e agli affini purché conviventi;
  • rese più chiare alcune modalità che riguardano la valutazione dell’ordine delle preferenze e il trattamento dei docenti titolari su posto di sostegno che richiedono l’assegnazione interprovinciale
  • introdotta la possibilità di chiedere assegnazione su sostegno senza titolo

Chi può presentare domanda

La domanda di assegnazione provvisoria, sia provinciale che interprovinciale, può essere presentata da tutti i docenti, compresi quelli assunti il 01/09/2017.

Superato, dunque, il blocco triennale di permanenza nella provincia di assunzione.

La domanda di assegnazione provvisoria può essere presentata anche da coloro i quali non hanno ancora superato l’anno di prova.

Il superamento dell’anno di prova costituisce uno dei requisiti richiesti soltanto per coloro che presentano domanda di assegnazione per grado di istruzione diverso da quello di titolarità.

Chi non può presentare domanda

La domanda non può essere presentata:

  • per chiedere assegnazione nello stesso comune di titolarità;
  • da coloro i quali sono stati immessi in ruolo con decorrenza giuridica 01/09/2018;
  • per chiedere assegnazione in grado di istruzione diverso da quello di appartenenza, da parte dei docenti che non hanno superato l’anno di prova;
  • da parte dei docenti, che hanno ottenuto il trasferimento nella provincia di ricongiungimento, eccetto chi ha ottenuto il trasferimento con precedenza art. 13 ma  in un comune diverso da quello di assistenza/residenza.

Assegnazione provvisoria, no a docenti trasferiti nella provincia di ricongiungimento

Requisiti

L’assegnazione provvisoria può essere richiesta per uno dei seguenti motivi:

  • ricongiungimento ai figli o agli affidati di minore età con provvedimento giudiziario;
  • ricongiungimento al coniuge o alla parte dell’unione civile;
  • ricongiungimento al convivente (compresi i parenti e gli affini) purché la stabilità della convivenza risulti da certificazione anagrafica;
  • gravi esigenze di salute del richiedente comprovate da idonea certificazione sanitaria;
  • ricongiungimento al genitore.

In caso di assegnazione interprovinciale, oltre ai motivi succitati, è possibile chiedere l’assegnazione in presenza delle seguenti condizioni (alternative tra loro):

  • il docente ha presentato domanda di mobilità per la provincia per la quale ricorra uno dei motivi di ricongiungimento e non l’ha ottenuta;
  • il docente  non ha presentato domanda di mobilità per la provincia per la quale ricorra uno dei motivi di ricongiungimento;
  • il docente ha ottenuto la mobilità in una provincia diversa da quella per la quale ricorrono i motivi di ricongiungimento o per la quale aveva chiesto di usufruire delle precedenze previste dall’art 13 del CCNI dell’11 aprile 2017 .

Preferenze

L’assegnazione può essere richiesta per una sola provincia ed è disposta esclusivamente su scuola.

In caso di assegnazione provvisoria interprovinciale è possibile esprimere anche il codice provincia.

Le preferenze esprimibili nel modulo domanda sono massimo:

  • 20 per la scuola dell’infanzia e primaria
  • 15 per la scuola secondaria di primo e secondo grado.

Sottolineiamo che è stato eliminato l’obbligo di esprimere tutte le scuole del comune di ricongiungimento prima di poter esprimere quelle di altri comuni.

Assegnazioni provvisorie, puoi scegliere anche una sola scuola nel comune ricongiungimento. Le altre in altri comuni

Ricongiungimento, punteggio figli e province esprimibili: le nostre Faq

A seguito di numerose richieste di chiarimenti sulle novità introdotte dal CCNI 2018, in particolare per le assegnazioni provvisorie, riteniamo utile pubblicare una serie di FAQ sull’argomento che rispondono ai tanti quesiti giunti in redazione. Continua

Precedenze

Le precedenze, presenti lo scorso anno, sono state confermate.

Pertanto, continua a precedere l’assistenza all’unico parente o affine entro il secondo grado (ovvero entro il terzo grado) con handicap grave, la precedenza per le lavoratrici madri e i lavoratori padri anche adottivi o affidatari con figli di età fino ai 6 anni e, per i soli trasferimenti interprovinciali, superiore ai 6 e fino ai 12 anni.

Allegati: come caricarli

E’ già possibile inserire su Istanze on line gli allegati relativi alla domanda di assegnazione provvisoria o utilizzazione per l’a.s. 2018/19. Continua

Assegnazione su posti di sostegno senza titolo di specializzazione

I docenti, che sono in possesso di uno dei requisiti sopra riportati per la presentazione della domanda, possono chiedere l’assegnazione interprovinciale su eventuali posti di sostegno anche senza il prescritto titolo di specializzazione.

Tali docenti, oltre ad avere il requisito richiesto per l’assegnazione, devono essere in possesso di uno dei due seguenti requisiti:

  • essere in procinto di concludere il percorso di specializzazione sul sostegno;
  • in subordine, aver prestato servizio per almeno un anno su posti di sostegno (anche a tempo determinato).

Tra tutti i docenti che esprimeranno questa opzione, e fermo restando i requisiti di cui sopra, avranno la priorità, in ordine:

  • docenti che hanno figli con disabilità;
  • docenti con figli fino a 6 anni;
  • docenti con figli superiore a 6 e fino a 12 anni.

L’assegnazione di docenti senza titolo di specializzazione su posti di sostegno può avvenire solo dopo aver accantonato un numero di posti pari al numero dei docenti precari in possesso del titolo di specializzazione, presenti nelle GAE e nella II fascia delle graduatorie di istituto, compresi gli elenchi aggiuntivi.

Assegnazione su sostegno senza titolo, come presentare domanda. Allegati

Assegnazioni sostegno: “anno di servizio”, come verranno assegnati i posti. Le FAQ

Posti disponibili e assegnazioni su spezzoni orario

Le operazioni di assegnazioni provvisorie possono essere effettuate sui posti dell’organico dell’autonomia e sui posti istituiti ai sensi dell’art. 1 comma 69 della legge 107/15, limitatamente ad un solo anno scolastico, come esplicitato nel succitato comma “All’esclusivo scopo di far fronte ad esigenze di personale ulteriori rispetto a quelle soddisfatte dall’organico dell’autonomia come definite dalla presente legge, a decorrere dall’anno scolastico 2016/2017, ad esclusione dei posti di sostegno in deroga, nel caso di rilevazione delle inderogabili necessità previste e disciplinate, in relazione ai vigenti ordinamenti didattici, dal regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 20 marzo 2009, n. 81, è costituito annualmente con decreto del Ministro dell’istruzione, dell’università’ e della ricerca, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, un ulteriore contingente di posti non facenti parte dell’organico dell’autonomia né disponibili, per il personale a tempo indeterminato, per operazioni di mobilità o assunzioni in ruolo. A tali necessità si provvede secondo le modalità, i criteri e i parametri previsti dal citato decreto del Presidente della Repubblica 20 marzo 2009, n. 81. Alla copertura di tali posti si provvede a valere sulle graduatorie di personale aspirante alla stipula di contratti a tempo determinato previste dalla normativa vigente ovvero mediante l’impiego di personale a tempo indeterminato con provvedimenti aventi efficacia limitatamente ad un solo anno scolastico. [….]” Continua

Sequenza movimenti

Le operazioni di assegnazione provvisoria vengono disposte secondo la sequenza operativa riportata nell’allegato 1 del CCNI 2018/19, dove rispetto al contratto 2017/18, è stata aggiunta un’operazione relativa alle assegnazioni provvisorie interprovinciali sul sostegno per docenti non specializzati, movimento annuale non consentito per l’a.s. 2017/18.

Le assegnazioni provvisorie, distinte in base alla tipologia di posto , alla classe di concorso, al grado di istruzione o alla provincia richiesta, rientrano nelle seguenti operazioni. Continua

Assegnazioni provvisorie anche per altra classe di concorso, ordine domande

Contratti regionali (CIR)

Dopo l’accordo a livello nazionale vengono stilate le ipotesi di contratto per le utilizzazioni e assegnazioni provvisorie a livello regionale.

Raccogliamo in questa pagina tutti i contratti man mano che vengono pubblicati dagli Uffici Scolastici regionali.

Utilizzazioni e Assegnazioni provvisorie ATA

Il personale ATA potrà presentare domanda di utilizzazione e assegnazione provvisoria dal 23 luglio al 3 agosto. Il modello è cartaceo. Continua

Utilizzazioni licei musicali

L’articolo 6 bis dell’Ipotesi di Contratto è dedicato alle utilizzazioni presso i licei musicali. Continua

Sintetizziamo nella scheda seguente come avverranno le succitate utilizzazioni.

Utilizzazioni licei musicali docenti di ruolo e precari, come presentare domanda. I modelli

Modelli di domanda

Assegnazione provvisoria e utilizzazione, modelli cartacei Licei Musicali, IRC e personale educativo

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie, chi può presentare domanda

Facebook

Per ricevere info in tempo reale, ti consigliamo di iscriverti alla nostra  FanPage di FaceBook .

Newsletter 

Ti consigliamo, inoltre, di iscriverti alla  nostra newsletter , con la quale riceverai gli aggiornamenti quotidiani o i più significativi della settimana.

Se usi i FeedRss puoi utilizzare  questo link

La consulenza su http://chiediloalalla.orizzontescuola.it/

Segui tutte le news direttamente sul tuo cellulare con il  nostro canale gratuito Telegram

La community – il forum di OrizzonteScuola.it

Assegnazioni provvisorie 2018: requisiti, preferenze, precedenze. Scheda Uil

Il testo del contratto

Versione stampabile
anief anief
soloformazione