Assegnazioni provvisori e utilizzi: come inserire gli allegati, quali sono obbligatori, info sulle certificazioni mediche

WhatsApp
Telegram

Per comprovare alcuni requisiti ai fini del corretto inoltro delle domande di assegnazione e utilizzazione bisogna che gli Uffici scolastici destinatari della domanda conoscano alcune informazioni senza le quali quest’ultima non potrà essere accettata e convalidata.

Per comprovare alcuni requisiti ai fini del corretto inoltro delle domande di assegnazione e utilizzazione bisogna che gli Uffici scolastici destinatari della domanda conoscano alcune informazioni senza le quali quest’ultima non potrà essere accettata e convalidata.

Inoltre c’è una differenza nel comprovare i requisiti richiesti per le assegnazioni provvisorie e quelli invece richiesti per le utilizzazioni.

Vediamo in cosa consiste.

ASSEGNAZIONI PROVVISORIE

Per comprovare i requisiti richiesti per le assegnazioni provvisorie ed ottenere anche il punteggio (laddove previsto), è necessario presentare:

  • Le dichiarazioni personali sostitutive delle certificazioni relative al ricongiungimento al familiare o al convivente.

Ricordiamo infatti che l’assegnazione è possibile richiederla per:

  • ricongiungimento al coniuge;

  • ricongiungimento al convivente o parenti ed affini purché la convivenza risulti da certificazione anagrafica;

  • ricongiungimento ai figli (anche nel caso di affidamento);

  • ricongiungimento ai genitori.

  • gravi esigenze di salute del docente che risultino da certificazione sanitaria.

E che il punteggio è attribuito per:

  • ricongiungimento al coniuge o al convivente o per ricongiungimento ai figli minori o maggiorenni disabili in situazione di gravità (art. 3.- comma 3 – legge 104/92), o ai genitori di età superiore ai 65 anni e ai minori o maggiorenni disabili in situazione di gravità (art. 3.- comma 3 – legge 104/92) affidati.

Pertanto, nella domanda di assegnazione non andrà inserito alcun allegato in relazione all’anzianità di servizio, alla continuità, ai titoli ecc. ma SOLO comprovare di avere il requisito richiesto per l’assegnazione, sia per l’eventuale attribuzione del punteggio.

Sarà dunque necessario, a seconda della tipologia di ricongiungimento richiesto, riportare i dati anagrafici del coniuge, dei figli (indicare eventualmente l’affido), dei genitori (indicare per questi ultimi l’età in quanto i 6 pp. vengono assegnati solo se il genitore ha un’età superiore ai 65 anni), del convivente, o parente affine, purché la convivenza risulti da certificazione anagrafica.

Nello stesso file sarà necessario che risulti anche da quanto tempo il familiare risiede in quel determinato comune al quale il docente richiede appunto il ricongiungimento (da almeno 3 mesi rispetto la scadenza della domanda).

A tal proposito si ricorda che ai fini del ricongiungimento a nulla rileva dove risiede il docente (potrebbe risiedere anche all’estero…), ma è importante solo la residenza del familiare a cui si richiede il ricongiungimento.

Pertanto, per esempio, il docente che risiede a Milano (indipendentemente anche dalla provincia in cu insegna) richiederà assegnazione provvisoria per la provincia di Catanzaro e nello specifico per il Comune di Lamezia Terme che è quello in cui risiede il genitore.

N.B.: Nel caso il docente abbia titolo a richiedere assegnazione provvisoria per altro ruolo/grado oltre a quello di appartenenza, consiglio di allegare una autodichiarazione in cui si specifica l’abilitazione per il ruolo/grado richiesto e l’indicazione del superamento dell’anno di prova (a.s. e scuola).

Le due condizioni sono infatti necessarie affinché il docente possa richiedere assegnazione anche per altro ruolo o grado oltre a quello di appartenenza. Facendo così l’Ufficio che deve valutare la domanda non avrà dubbi sui requisiti del docente.

Certificazioni mediche

  • Nel caso il docente richieda assegnazione per gravi esigenze di salute o fruisca delle precedenze di cui all’art. 8 (per es. assistenza al figlio/coniuge/genitore/familiare disabile), è necessario allegare al modulo-domanda anche la certificazione medica che comprovi lo stato di salute o di disabilità/invalidità ed eventuali altre dichiarazioni laddove previste (es. autodichiarazioni di altri familiari a non poter prestare assistenza, nel caso di precedenza per familiare disabile).

QUALI ALLEGATI BISOGNA INSERIRE PER LE UTILIZZAZIONI?

Nella domanda per l’utilizzazione non sarebbe necessario allegare alcuna documentazione in quanto la valutazione dei titoli relativi alle utilizzazioni di personale titolare di cattedra e/ o posto nella scuola è formulata da ciascuna istituzione scolastica in cui il personale presta servizio (il punteggio si evince infatti dalle graduatorie interne di istituto).

I casi in cui si consiglia di inserire comunque gli allegati

A mio avviso però, in alcuni casi sarebbe invece necessario inserire degli allegati anche per accelerare il lavoro degli uffici scolastici e per avere anche la sicurezza che la domanda sia convalidata correttamente.

  • Intanto, nelle utilizzazioni è possibile inserire eventuali nuovi titoli fino al termine di scadenza della domanda. Potrebbe essere il caso di conseguimento di nuovi titoli o per esempio di riconoscimento di precedenze non valutate dalla scuola in cui il docente è in servizio. Sarebbe quindi utile che in questi casi il docente dichiarasse queste nuove situazioni.

  • Un caso a parte sarebbe da fare per i neo immessi in ruolo che avranno titolo a richiedere utilizzazione.

Il punteggio dell’utilizzazione non è infatti quello del trasferimento. Tale punteggio deve essere quindi calcolato con la tabella relativa ai trasferimenti d’ufficio.

Mentre però per i docenti già in ruolo, che hanno diritto ad essere inserirti nella graduatorie interna della scuola di servizio, il punteggio è stato calcolato dalle medesime scuole, per i neo immessi del 1/9/2015, che nel corrente anno scolastico non hanno avuto una sede definitiva e quindi non sono inseriti in nessuna graduatoria interna, il punteggio deve essere comunque calcolato in modo corretto e inserito nella domanda.

Gli anni di pre ruolo, per esempio, andranno calcolati moltiplicando x3 per i primi 4 anni e poi moltiplicando x2 gli anni successivi.

Quindi bisogna porre molta attenzione a questi aspetti ed eventualmente comprovare con allegato il punteggio dichiarato in modo che l’ATP abbia modo di verificarlo.

  • Analogo discorso possiamo farlo per i docenti che sono titolari su posto comune e richiedono utilizzo per posti di sostegno, oppure docenti della primaria titolari su posto comune che richiedono utilizzazione sui posti di lingua inglese. In questi casi sarebbe utile allegare una autodichiarazione in cui si indichi il possesso dei titoli richiesti ai fini dell’utilizzazione.

In poche parole un allegato e un’autodichiarazione in più possono facilitare la convalida della domanda da parte dell’ATP.

COME SI INSERISCONO GLI ALLEGATI NEL MODULO-DOMANDA?

Gli allegati si inseriscono direttamente da istanze online prima di compilare il modulo-domanda:

  • Bisogna accedere alla pagina personale di Istanze on line con username e password.

  • L’inserimento si completerà con il codice personale.

  • Prima di iniziare la vera e propria compilazione della domanda, bisogna caricare gli allegati che si intende presentare.

  • Sulla destra della pagina, bisogna accedere a Altri servizi – Gestione allegati – Cliccare su “Avanti” e poi, dopo aver letto attentamente le istruzioni, su “Accedi”.

N.B.: Chi ha già degli allegati inseriti nell’apposita sezione (“gestione allegati”) se li troverà direttamente nello “storico”. In questo caso il sistema, all’atto della compilazione dell’apposita sezione, indicherà l’opzione “importa da storico”. Altrimenti, se non si hanno allegati già inseriti o se vi è necessità di inserirne di nuovi, questi devono essere caricati secondo la procedura sopra esposta.

Ricordiamo in ultimo che anche l’eventuale certificazione medica può essere scannerizzata ed allegata alla domanda in modalità online senza necessità di essere consegnata, a mano o con raccomandata a/r o tramite pec, all’ATP di riferimento. Queste ultime possibilità rimangono comunque valide.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur