Assegnazioni precedono supplenze, posti migliori ai docenti di ruolo

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Il Coordinamento Nazionale Docenti Gae esprime il proprio disappunto per l’intesa raggiunta tra Miur e sindacati per le assegnazioni provvisorie dell’a.s. 2018/19.

Continuità didattica a rischio

Secondo i docenti dell’Associazione la continuità didattica sui posti di sostegno per l’a.s. 2018/19 è a rischio poiché la sequenza delle operazioni prevede che prima siano disposte le assegnazioni provvisorie (entro il 31 agosto ) e quindi alcuni posti potranno essere assegnati a docenti sì di ruolo ma privi della specializzazione su sostegno, e solo successivamente si provvederà alle supplenze.

Riconferma docenti specializzati sui posti dello scorso anno

La richiesta – come già quella del MISOS – è la riconferma d’ufficio di tutti i precari specializzati nelle stesse scuole in cui hanno prestato servizio nell’a.s. 2017/18.

“Il sostegno – conclude il comunicato dei docenti precari – non è e non deve essere usato come ancora di salvezza o coperta con cui coprire interessi di varia natura, il tutto a danno di migliaia di famiglie di professionisti specializzati, ma precari.  Gli alunni con disabilità sono stati traditi per “miseri e vili trenta denari”. La nefasta scelta del governo, detto del cambiamento, avrà come unica conseguenza che tanti precari in Gae, il prossimo anno non lavoreranno, oppure potranndo svolgere solo supplenze saltuarie.”

Assegnazioni provvisorie sostegno, accantonati i posti per i precari specializzati

Versione stampabile
anief
soloformazione