Assegnazione su sostegno senza titolo, come presentare domanda. Allegati

di Nino Sabella
ipsef

item-thumbnail

L’Ipotesi di CCNI sulla mobilità annuale per l’a.s. 2018/19 ha introdotto una novità relativa alle assegnazioni provvisorie interprovinciali su posto di sostegno, che possono essere richieste anche da docenti privi del relativo titolo di specializzazione.

Assegnazioni provvisorie su sostegno senza titolo

L’articolo 7, comma 16, del Contratto così predispone:

L’assegnazione provvisoria può essere infine richiesta per posti di sostegno anche dai docenti sforniti di titolo di specializzazione, purché stiano per concludere il percorso di specializzazione sul sostegno o, in subordine, abbiano prestato almeno un anno di servizio – anche a tempo determinato – su posto di sostegno. Hanno la priorità i beneficiari della precedenza di cui al punto IV lettera g), lettera I) e lett m) del successivo articolo 8.
L’assegnazione di cui al comma precedente è disposta in subordine al personale fornito di titolo di specializzazione e solo dopo aver accantonato un numero di posti pari ai docenti forniti di titolo di sostegno presenti nelle GAE nonché nelle graduatorie di istituto ivi comprese le fasce aggiuntive.

Per presentare la domanda di assegnazione su sostegno senza titolo, dunque,  il docente, per il quale ricorra uno dei motivi necessari per poter presentare l’istanza, deve possedere uno dei seguenti requisiti:

  • essere in procinto di concludere il percorso di specializzazione sul sostegno;
  • in subordine, aver prestato servizio per almeno un anno su posti di sostegno (anche a tempo determinato).

Tra i docenti che esprimono questa opzione hanno la priorità, in ordine:

  • docenti che hanno figli con disabilità;
  • docenti con figli fino a 6 anni;
  • docenti con figli superiore a 6 e fino a 12 anni.

Date presentazione domanda

Le domande vanno presentate in due periodi di tempo distinti per la scuola dell’Infanzia/Primaria e Secondaria:

  • scuola primaria e dell’infanzia: 13 – 23 luglio
  • scuola secondaria di primo e secondo grado: 16 – 25 luglio

Come presentare domanda

La domanda va presentata tramite Istanze OnLine, corredata dagli allegati attestanti motivi e requisiti di cui si è in possesso.

Questi gli allegati da presentare, a seconda delle situazioni soggettive (tutti comunque devono presentare quello in cui dichiarano le esigenze di famiglia):

  • Esigenze di famiglia
  • Rinuncia assistenza figli del disabile;
  • Precedenza per figli sino  6 anni
  • Precedenza per figli sino  12 anni
  • Precedenza amministratore Ente Locale
  • Precedenza aspettativa sindacale;
  • Precedenza assistenza parente o affine entro il II grado
  • Precedenza assistenza al coniuge
  • Precedenza assistenza al figlio
  • Precedenza assistenza al fratello o la sorella
  • Precedenza assistenza al genitore
  • Precedenza assistenza tutela legale
  • Precedenza assistenza coniuge militare
  • Precedenza assistenza coniuge militare -dichiarazione convivenza
  • Precedenza cure continuative
  • Precedenza disabile articolo 21
  • Precedenza disabile handicap grave art. 33 comma 6
  • Rinuncia assistenza coniuge disabile

I docenti, che chiedono posti di sostegno senza titolo, devono produrre un ulteriore allegato (alla domanda online) in cui dichiarare il possesso del requisito richiesto, ossia di:

  • essere in procinto di concludere il percorso di specializzazione sul sostegno o, in subordine, di aver prestato almeno un anno di servizio – anche a tempo determinato – su posto di sostegno.

Sequenza operazioni

L’Allegato 1 al CCNI indica l’ordine con cui vengono effettuate tutte le operazioni di utilizzazione e assegnazione provvisoria.

L’assegnazione provvisoria su sostegno docenti senza titolo è l’ultima delle operazioni previste, la n. 41 della succitata sequenza.

Il nostro speciale sulle utilizzazioni e assegnazioni provvisorie

Versione stampabile
anief anief
soloformazione