Assegnazione provvisoria: valutazione punteggio e titolarità. Consulenza

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Riportiamo le ultime risposte dei nostri consulenti nella rubrica “Chiedilo a Lalla”. Ricordiamo che per le istituzioni scolastiche abbiamo approntato un canale di consulenza gratuita e con risposta garantita.

Assegnazione provvisoria: prima si valuta la tipologia di posto di attuale titolarità

Anna – sono una docente di Scuola Secondaria di I Grado , in ruolo su posto di sostegno, che ha superato il vincolo quinquennale. Quest’anno, non avendo ottenuto il trasferimento , ho presentato domanda di assegnazione provvisoria sia su posto di sostegno e sia su posto comune. Nella graduatoria relativa al posto comune mi precedono due colleghe  più giovani, che hanno lo stesso mio punteggio, sono dello stesso grado di istruzione ( I Grado), ma sono titolari su posto comune. Vorrei sapere se tutto questo sia corretto.Grazie Cordiali saluti.

Assegnazione provvisoria : a parità di precedenza si valuta il punteggio

L.M. –  Io e la mia collega abbiamo fatto entrambe richiesta di assegnazione provvisoria nella stessa scuola ubicata nel comune di assistenza a figlio disabile, (entrambe abbiamo tale precedenza). La differenza tra le due è che mentre io dallo scorso anno ero già in provincia, lei ha avuto solo questo anno il trasferimento da altra provincia. Il mio quesito è il seguente: per il calcolo del punteggio si deve tener conto solo dei 6 punti per figlio disabile (dato che la collega ha eccezionalmente potuto fare domanda, in quanto ricorre tale condizione) o bisogna sommare anche il punteggio per altri figli? Nel suo caso, costituendo la precedenza la sola condizione per poter richiedere l’ assegnazione in seguito a trasferimento in provincia, mi sembrerebbe logico non sommare le altre eventuali esigenze di famiglia. Ma non trovo ancora risposta al mio dubbio. Grazie

Chiedilo a Lalla

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione