Argomenti Chiedilo a Lalla

Tutti gli argomenti

Assegnazione provvisoria: quante preferenze e con quale ordine devono essere inserite

WhatsApp
Telegram

Nella domanda di assegnazione provvisoria ci sono regole precise da rispettare per inserire le preferenze. Vediamo quali

Una lettrice ci scrive:

In passato le sue risposte mi sono state assai di aiuto. Le scrivo perché necessito di un suo aiuto per la compilazione dell’ istanza di assegnazione provvisoria per la scuola secondaria di secondo grado, vorrei inserire  come preferenza anche i comuni, ma la prima scelta dev’ essere il comune di ricongiungimento o la singola istituzione  scolastica all’ interno dello stesso comune ?

Da oggi 20 giugno è possibile compilare e inviare le domande di assegnazione provvisoria e utilizzazione e i docenti interessati, come chiarisce la nota ministeriale n.23439 del 17 giugno, avranno tempo per farlo fino al 4 luglio

Quante e quali preferenze nella domanda di AP

Le preferenze esprimibili nella domanda di assegnazione provvisoria vengono indicate nel contratto sulla mobilità annuale, la cui validità è prorogata anche per il prossimo anno scolastico 2022/23.

Nell’art.7 comma 3, infatti, si chiarisce che l’assegnazione provvisoria può essere richiesta per una sola provincia indicando fino a 20 preferenze per i docenti della scuola infanzia e primaria e fino a 15 preferenze per i docenti della scuola secondaria di primo e secondo grado.

E’ possibile indicare il codice puntuale delle scuole (preferenza analitica) oppure un codice sintetico (comune, distretto, provincia) (preferenza sintetica).

Nella domanda è possibile esprimere sia preferenze analitiche che sintetiche per un totale complessivo indicato nel succitato art.7

AP per ricongiungimento, come inserire le preferenze

Il docente che chiede l’assegnazione provvisoria per ricongiungimento ai genitori, al coniuge, alla parte dell’unione civile, al convivente o ai figli deve indicare come prima preferenza il comune di ricongiungimento o distretto sub-comunale oppure una o più istituzioni scolastiche comprese in esso.

Nel caso in cui nel comune di ricongiungimento non esistano scuole esprimibili è possibile indicare una scuola di un comune viciniore oppure una scuola con sede di organico in altro comune anche non viciniore che abbia una sede/plesso nel comune di ricongiungimento.

L’indicazione dell’intero comune (o distretto sub comunale) di ricongiungimento è obbligatoria,
anche in caso di comuni nei quali è presente una sola istituzione scolastica, nel caso in cui si intenda esprimere preferenze (sia di singola scuola, sia sintetiche) per altro comune.

In caso di mancata indicazione del comune o distretto sub comunale di ricongiungimento la
domanda non è annullata, ma l’ufficio si limiterà a prendere in considerazione soltanto le
preferenze analitiche relative a specifiche scuole del comune di ricongiungimento e per la stessa
classe di concorso o posto di titolarità.

Conclusioni

La nostra lettrice, quindi, prima di inserire preferenze per altri comuni (sia con preferenza analitica che sintetica) dovrà inserire la preferenza sintetica per il comune di ricongiungimento altrimente le preferenze espresse per altri comuni non saranno prese in considerazione

 

 

 

 

WhatsApp
Telegram
Chiedilo a Lalla

Invia il tuo quesito a [email protected]
Le domande e le risposte saranno rese pubbliche, non si accettano richieste di anonimato o di consulenza privata.

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur