Argomenti Chiedilo a Lalla

Tutti gli argomenti

Assegnazione provvisoria: quali requisiti?

WhatsApp
Telegram

L’assegnazione provvisoria può essere richiesta solo in presenza di specifici requisiti, quali sono? I rapporti conflittuali con colleghi e DS non danno titolo a presentare domanda

Una lettrice ci scrive:

Vorrei sapere se per incompatibilità di lavoro con una collega con la DS e DSGA posso ottenere una assegnazione provvisoria

L’assegnazione provvisoria è un movimento annuale che consente al docente,  in possesso di specifici requisiti, di lavorare per un anno scolastico in una scuola diversa da quella di titolarità, esplicitamente inserita tra le preferenze nella domanda

Le regole per la presentazione della domanda vengono stabilite annualmente nel CCNI sulla mobilità annuale e i requisiti necessari per poter chiedere assegnazione provvisoria sono indicati in uno specifico articolo del contratto

Chi può presentare domanda: quali requisiti

I docenti  che fino al corrente anno scolastico hanno potuto presentare domanda di assegnazione provvisoria sono stati coloro che possedevano il requisito del ricongiungimento familiare o avevano particolari problemi di salute.

Le indicazioni precise sono state fornite nell’art.7 comma 1 del CCNI 2018/19 dove si stabilisce quanto segue:

 L’assegnazione provvisoria può essere richiesta dai docenti di ogni ordine e grado, purché ricorra uno dei seguenti motivi:

– ricongiungimento ai figli o agli affidati di minore età con provvedimento giudiziario;

– ricongiungimento al coniuge o alla parte dell’unione civile o al convivente, ivi compresi parenti o affini, purché la stabilità della convivenza risulti da certificazione anagrafica;

– gravi esigenze di salute del richiedente comprovate da idonea certificazione sanitaria;

– ricongiungimento al genitore.

Conclusioni

Non è prevista, quindi,  tra i requisiti che consentono di chiedere assegnazione provvisoria, la conflittualità dei rapporti tra il docente con i colleghi o con il DS o il DSGA.

È vero che i requisiti indicati sono quelli stabiliti nel CCNI 2018/19 e niente sappiamo ancora su quanto verrà disposto nel contratto relativo alla mobilità annuale 2019/2020, ma riteniamo decisamente improbabile che tale motivazione possa rappresentare un requisito utile per chiedere assegnazione provvisoria per il prossimo anno scolastico

WhatsApp
Telegram
Chiedilo a Lalla

Invia il tuo quesito a [email protected]
Le domande e le risposte saranno rese pubbliche, non si accettano richieste di anonimato o di consulenza privata.

ASUNIVER e MNEMOSINE, dottorato di ricerca in Spagna: cresci professionalmente e accedi alla carriera universitaria con tre anni di congedo retribuito