Assegnazione provvisoria interprovinciale sul sostegno per docente titolare su materia: ha priorità il docente specializzato

di Giovanna Onnis

item-thumbnail

I docenti titolari su materia e specializzati sul sostegno hanno la priorità per l’assegnazione provvisoria interprovinciale sul sostegno rispetto ai docenti senza titolo. I movimenti seguono l’ordine stabilito nel CCNI

Una lettrice ci scrive:

Sono docente titolare su materia, in possesso del titolo di specializzazione sul sostegno, vorrei sapere se ho precedenza per l’assegnazioni provvisoria sul sostegno rispetto ai docenti senza specializzazione, con precedenza per figlio minore, che chiedono assegnazioni provvisorie interprovinciale sul sostegno”

L’ordine con il quale vengono predisposte le assegnazioni provvisorie è stabilito nell’allegato 1 del CCNI sulla mobilità annuale, dove viene indicata esplicitamente la sequenza operativa dei movimenti

Assegnazione provvisoria sul sostegno per docente titolare su materia

L’assegnazione provvisoria sul sostegno può essere chiesta anche dai  docenti titolari su materia che possiedono i requisiti necessari indicati nel contratto.

Si possono presentare diversi casi

Assegnazione provvisoria provinciale

Possono chiedere assegnazione provvisoria provinciale sul sostegno i docenti titolari su materia se possiedono  il  titolo di specializzazione su questa tipologia di posto.

Si tratta dell’operazione n.16 della sequenza operativa:

16 – Assegnazione provvisoria su sostegno del docente titolare di posto comune nella provincia [….]

Tale richiesta sarà comunque aggiuntiva rispetto a quella riguardante la tipologia di posto di titolarità

Assegnazione provvisoria interprovinciale

Possono chiedere assegnazione provvisoria interprovinciale sul sostegno sia i docenti titolari su materia e specializzati sul sostegno, sia i docenti non specializzati che possiedono uno dei requisiti necessari stabiliti nel CCNI

Anche in questo caso la richiesta sarà comunque aggiuntiva rispetto a quella riguardante la tipologia di posto di titolarità

I docenti in possesso del titolo di specializzazione rientrano nell’operazione n.37 della sequenza operativa:

37 – Assegnazione provvisoria da altra provincia del docente titolare su posto comune in possesso del prescritto titolo di specializzazione [….]

I docenti non specializzati possono chiedere assegnazione provvisoria interprovinciale sul sostegno se possiedono uno dei requisiti indicati nell’art.7 comma 14 del CCNI, dove si stabilisce quanto segue:

L’assegnazione provvisoria può essere infine richiesta per altra provincia per posti di sostegno anche dai docenti non in possesso di titolo di specializzazione, purché  stiano per concludere i percorsi di specializzazione sul sostegno o, in subordine, abbiano prestato almeno un anno di servizio – anche a tempo determinato – su posto di sostegno. Hanno la priorità i beneficiari della precedenza di cui al punto IV lettera g), lettera l) e lettera m) del successivo articolo 8 [….]”

I docenti non specializzati rientrano nell’operazione n.41 della sequenza operativa:

41 – Assegnazione provvisoria dei docenti provenienti da altra provincia, sforniti di titolo di specializzazione,  purché  stiano per concludere il percorso di specializzazione sul sostegno o, in subordine, abbiano prestato almeno un anno di servizio – anche a tempo determinato – su posto di sostegno .

Conclusioni

L’assegnazione provvisoria interprovinciale dei docenti non specializzati, con i requisiti per presentare domanda, viene in ogni caso predisposta successivamente alle assegnazioni provvisorie dei docenti specializzati, in sintonia con quanto stabilisce il succitato art.7 comma 14:

“[….] L’assegnazione di cui al comma precedente è disposta in subordine al personale fornito di titolo di specializzazione e solo dopo aver accantonato un numero di posti pari ai docenti forniti di titolo di sostegno presenti nelle GAE nonché nelle graduatorie di istituto ivi comprese le fasce aggiuntive

La precedenza per figlio minore viene, quindi, valutata all’interno dell’operazione in cui rientra il movimento

Invia il tuo quesito a [email protected]

Le domande e le risposte saranno rese pubbliche, non si accettano richieste di anonimato o di consulenza privata.
Per le istituzioni scolastiche. Consulenza specifica e risposta garantita. Gratuitamente [email protected]

Versione stampabile
ads ads