Argomenti Chiedilo a Lalla

Tutti gli argomenti

Assegnazione provvisoria: il docente deve avere i requisiti, ma non è obbligatorio avere diritto ad una precedenza

L’assegnazione provvisoria richiede precisi requisiti per presentare domanda. Può chiedere il movimento anche il docente senza precedenza

Un lettore ci scrive:

“Sono un insegnante della scuola primaria e non ho ottenuto il trasferimento interprovinciale che avevo richiesto, non avendo alcun titolo di precedenza da far valere. Vorrei sapere se mi sarebbe possibile fare domanda di assegnazione provvisoria interprovinciale pur in assenza di precedenze”

Requisiti per chiedere AP

Per presentare domanda di assegnazione provvisoria è necessario possedere uno dei requisiti indicati nell’art.7 comma 1 del CCNI sulla mobilità annuale, come di seguito riportato:

L’assegnazione provvisoria può essere richiesta dai docenti di ogni ordine e grado, purché ricorra uno dei seguenti motivi:

– ricongiungimento ai figli o agli affidati di minore età con provvedimento giudiziario

– ricongiungimento al coniuge o alla parte dell’unione civile o al convivente, ivi compresi parenti o affini, purché la stabilità della convivenza risulti da certificazione anagrafica

– gravi esigenze di salute del richiedente comprovate da idonea certificazione sanitaria

– ricongiungimento al genitore

In assenza di uno dei requisiti indicati il docente non potrà chiedere assegnazione provvisoria.

Il possesso dei requisiti necessari è, quindi, vincolante per poter presentare domanda

Precedenze per l’AP:  non è obbligatorio averla per fare domanda

Le precedenze per le assegnazioni provvisorie sono indicate nell’art.8 del CCNI e sono inserite nell’ordine di priorità con il quale vengono valutate nella sequenza operativa e con il quale si dispongono, nell’ordine, i diversi movimenti

Essere beneficiario di una delle precedenze previste determina, all’interno di ciascuna operazione, una priorità nella valutazione della domanda rispetto a quella dei docenti privi di precedenza o con precedenze che nell’ordine di priorità sono valutate successivamente

Non avere alcuna precedenza non impedisce al docente di presentare domanda, che sarà valutata esclusivamente rispetto al punteggio spettante che, per le AP, riguarda soltanto le esigenze di famiglia

Conclusioni

Se il nostro lettore ha i requisiti per il ricongiungimento potrà, quindi, chiedere AP interprovinciale nella provincia e nel comune di residenza del familiare verso il quale chiede ricongiungimento, anche se non risulta beneficiario di alcuna precedenza

 

Chiedilo a Lalla

Invia il tuo quesito a [email protected]
Le domande e le risposte saranno rese pubbliche, non si accettano richieste di anonimato o di consulenza privata.
Per le istituzioni scolastiche. Consulenza specifica e risposta garantita. Gratuitamente [email protected]

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia