Assegnazione provvisoria docenti posti di sostegno: cosa c’è da sapere

Stampa

Assegnazioni provvisorie e utilizzazioni docenti per l’anno scolastico 2021/22: cosa c’è da sapere per chi vuole passare da posto di sostegno a comune e viceversa.

Sono partite ieri, martedì 15 giugno, le domande per ottenere le utilizzazioni e assegnazioni provvisorie 2021. Ci sarà tempo per inoltrare la domanda fino al prossimo 5 luglio, per quanto riguarda il personale docente ed educativo.

Come riporta anche una scheda sintetica della Uil Scuola, un docente titolare su posto di sostegno può richiedere anche posti comuni solo se ha superato il vincolo quinquennale, altrimenti sarà possibile chiedere solo posti di sostegno. È lo stesso vincolo che vale nei trasferimenti, infatti.

Il personale docente, può richiedere assegnazione provvisoria interprovinciale sui posti di sostegno anche se sprovvisto del titolo per uno dei motivi di cui all’art. 7 comma 1, ovvero purché stia per concludere il corso di specializzazione sul sostegno o, in subordine, che abbia almeno un anno di servizio sul sostegno, anche a tempo determinato, previo accantonamento di un numero di posti di sostegno pari al numero di docenti specializzati inseriti nelle graduatorie provinciali o di istituto.

Assegnazione provvisoria docenti 2021/22 sino al 5 luglio, come presentare domanda. Guida per immagini

La richiesta di posti di sostegno può essere presentata da tutti i docenti in possesso dei requisiti di cui sopra ed esclusivamente per le assegnazioni provvisorie interprovinciali.

Tra tutti i docenti che utilizzeranno tale possibilità avranno priorità, nell’ordine:

a) genitori con figli disabili (art. 8, punto IV, lett. g);

b) genitori con figli fino ai 6 anni di età (art. 8, punto IV, lett. l);

c) genitori con figli di età compresa tra 6 e 12 anni (art. 8, punto IV, lett. m).

La Uil Scuola ricorda che:

a) L’operazione è residuale rispetto alle altre domande di assegnazione provvisoria con i requisiti ordinari (sequenza n. 41 dell’ordine delle operazioni).

b) La provincia in cui si darà la disponibilità deve necessariamente coincidere con quella in cui ricorra uno dei requisiti previsti dall’art. 7 comma 1.

c) Tale possibilità è quindi aggiuntiva e in subordine rispetto alla richiesta di assegnazione provvisoria interprovinciale per la propria classe di concorso o posto di titolarità (ed aggiuntiva e in subordine anche all’eventuale richiesta di assegnazione provvisoria interprovinciale per altro posto o altro grado rispetto a quello di titolarità).

d) Il docente dovrà obbligatoriamente allegare alla domanda una dichiarazione in cui si evinca il possesso di uno dei due requisiti sopra indicati.

Attenzione: Nella nuova schermata online ci sarà una sezione specifica per tali docenti.

Per chi è in possesso del titolo di sostegno, le assegnazioni interprovinciali su posto di sostegno seguiranno due distinte sequenze:

1. Assegnazione provvisoria del docente titolare su posto di sostegno;

2. In subordine, assegnazione provvisoria del docente titolare su posto comune in possesso del titolo di sostegno.

Assegnazioni provvisorie e utilizzazioni docenti 2021, domande su Istanze online dal 15 giugno al 5 luglio. NOTA Ministero con le NOVITÀ

LA NOTA DEL MINISTERO

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur