Argomenti Chiedilo a Lalla

Tutti gli argomenti

Assegnazione provvisoria docenti 2024: domanda interprovinciale anche per neoassunti?

WhatsApp
Telegram

I docenti neoassunti a.s. 2023/24 potranno presentare domanda di assegnazione provvisoria interprovinciale? Dipende.

Il dubbio nasce dal vincolo cui sono sottoposti e dal recepimento o meno nel prossimo CCNI di quanto previsto dall’art. 34 del CCNL 2019/21.

Vincolo neoassunti

  1. Normativa: combinato disposto di cui all’art. 13/5 del D.lgs. n. 59/2017, sostituito dall’art. 44/1, lettera g), del DL 36/2022 (convertito in legge 29 giugno 2022, n. 79/2022), e all’art. 399/3 del D.lgs. 297/94, come da ultimo sostituito dall’art. 5/20 del DL 44/2023 (convertito in legge 74/2023).
  2. Chi riguarda: i docenti della scuola dell’infanzia, primaria e secondaria, a qualunque titolo destinatari di nomina a tempo indeterminato su ogni tipologia di posto, a decorrere dalle immissioni in ruolo a.s. 2023/24.
  3. Chi è escluso: docenti con grave disabilità ovvero che assistono un soggetto con grave disabilità, a condizione che la situazione di disabilità personale ovvero di assistenza a soggetto con grave disabilità si verifichi successivamente al termine di presentazione delle domande di partecipazione al relativo concorso.
  4. Cosa comporta: la permanenza nella scuola di assunzione, nei medesimi tipo di posto e classe di concorso, per non meno di tre anni, compreso l’anno in cui è svolto il periodo di prova.
  5. Cosa si può fare: durante i tre anni di vincolo, è possibile presentare (ricorrendo i previsti motivi) domanda di assegnazione provvisoria e/o utilizzazione nella provincia di titolarità, nonché accettare supplenze al 30/06 e al 31/08 per una classe di concorso o tipologia di posto diverse da quella di titolarità per le quali abbiano titolo, a condizione di aver svolto (e superato) l’anno di prova.
  6. Cosa non si può fare: non si può presentare domanda di trasferimento e passaggio, nonché domanda di assegnazione provvisoria interprovinciale.

Ricordiamo che il vincolo in questione, per i trasferimenti e i passaggi, è stato derogato per alcune categorie di docenti rientranti tra i beneficiari dell’art. 34 del CCNL 2019/21, recepite tramite l’Accordo MIM-OOSS del 21/02/2024 e riportate nell’OM 30/2024

Ecco chi ha potuto presentare domanda di mobilità, superando il vincolo in questione, grazie all’art. 34 succitato:

  • a) genitori di figlio di età inferiore a 12 anni, ossia che compie i 12 anni tra il 1° gennaio e il 31dicembre dell’anno in cui si presenta l’istanza di mobilità; nel caso di genitori adottivi ed affidatari, qualunque sia l’età del minore, entro dodici anni dall’ingresso del minore in famiglia, e comunque non oltre il raggiungimento della maggiore età;
  • b) coloro che si trovano nelle condizioni di cui agli articoli 21 e 33, commi 3, 5 e 6, della legge n. 104/1992;
  • c) coloro che fruiscono dei riposi e permessi previsti dall’art.42 del decreto legislativo 151/2001 che rivestono la qualità di:

1) coniuge, parte di un’unione civile o convivente di fatto, convivente di soggetto con disabilità grave;
2) padre o madre anche adottivi o affidatari in caso di decesso, mancanza o in presenza di patologie invalidanti dei soggetti di cui al punto 1);
3) uno dei figli conviventi in caso di decesso, mancanza o in presenza di patologie invalidanti dei soggetti di cui al punto 2);
4) uno dei fratelli o delle sorelle conviventi in caso di decesso, mancanza o in presenza di patologie invalidanti dei soggetti di cui al punto 3);
5) parente o affine entro il terzo grado convivente in caso di decesso, mancanza o in presenza di patologie invalidanti dei soggetti di cui al punto 4).

  • d) il coniuge o figlio di soggetto mutilato o invalido civile di cui all’art.2, commi 2 e 3, della legge n.118/1971.

Quesito

Così chiede una nostra lettrice:

Sono entrata di ruolo nell’anno 2023/24. Ho ottenuto mobilità provinciale. Posso chiedere anche assegnazione provvisoria nella provincia che risulta essere diversa da quella ottenuta nella mobilità? Vorrei chiedere assegnazione per ricongiungimento al coniuge e a mia figlia di 8 anni.

La nostra lettrice, neoassunta in ruolo nell’a.s. 2023/24 e quindi soggetta al vincolo triennale, ha potuto superarlo in virtù di una delle deroghe previste dal CCNL 2019/21:

  • a) genitori di figlio di età inferiore a 12 anni, ossia che compie i 12 anni tra il 1° gennaio e il 31dicembre dell’anno in cui si presenta l’istanza di mobilità; nel caso di genitori adottivi ed affidatari, qualunque sia l’età del minore, entro dodici anni dall’ingresso del minore in famiglia, e comunque non oltre il raggiungimento della maggiore età;

Non sappiamo ancora se tali deroghe saranno recepite nel contratto sulle assegnazione provvisorie e utilizzazioni, sebbene riteniamo di sì, anche alla luce del tenore letterale della disposizione (art. 47 CCNL 2019/21):

Fermo restando quanto previsto dall’art. 42/bis del d.lgs. n. 151 del 2001, i lavoratori cui si applicano gli istituti disciplinati dal citato d.lgs. n. 151 del 2001 è garantita la partecipazione alle procedure di mobilità volte al ricongiungimento con il figlio di età inferiore a 12 anni o, nei casi dei caregiver previsti dall’art. 42 del medesimo decreto, con la persona con disabilità da assistere. Analoga disciplina si applica per il personale indicato all’art. 21 della legge 5 febbraio 1992, n. 104.

La disposizione, infatti, prevede di garantire la partecipazione alle procedure di mobilità volte al ricongiungimento e l’assegnazione provvisoria possiamo dire che il movimento per eccellenza volto proprio al ricongiungimento, tuttavia per rispondere con certezza non possiamo che aspettare il prossimo CCNI sulle assegnazioni e utilizzazioni che, dopo diverse proroghe, sarà riscritto.

In definitiva, se le succitate deroghe di cui al CCNL 2019/21 saranno recepite nel prossimo contratto collettivo nazionale integrativo sulle utilizzazioni e assegnazioni provvisorie, la lettrice potrà presentare domanda di assegnazione provvisoria interprovinciale, viceversa nella sola provincia di titolarità.

Le risposte ai quesiti

È possibile inviare un quesito all’indirizzo [email protected] (non è assicurata risposta individuale ma la trattazione di tematiche generali).

WhatsApp
Telegram
Chiedilo a Lalla

Invia il tuo quesito a [email protected]
Le domande e le risposte saranno rese pubbliche, non si accettano richieste di anonimato o di consulenza privata.

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri