Assegnazione provvisoria. Docente con precedenza art. 13 CCNI, anno di prova e classe di concorso di titolarità

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Riportiamo le ultime risposte dei nostri consulenti nella rubrica “Chiedilo a Lalla”. Ricordiamo che per le istituzioni scolastiche abbiamo approntato un canale di consulenza gratuita e con risposta garantita.

Assegnazione provvisoria: il docente con precedenza (art.13 CCNI) non può essere escluso anche se ha ottenuto trasferimento nella provincia di ricongiungimento

Maria – Sono una docente di sostegno a tempo indeterminato, che, a seguito della mobilità 2017, ha ottenuto il trasferimento interprovinciale nell’ambito territoriale compreso nella propria provincia di residenza, perché titolare di una precedenza prevista dal CCNI dell’11 aprile 2017 (nello specifico art.13 punto IV “Assistenza al figlio con disabilità”, art.33 commi 5 e 7 della L. 104/92).
Sono stata poi assegnata d’ufficio dall’USP  ad un Istituto Comprensivo di un comune vicino al proprio comune di residenza.
Alla luce di quanto detto, ho ritenuto legittimo produrre domanda per l’Assegnazione Provvisoria nel comune di residenza, ma l’USP  ha rigettato questa richiesta adducendo la seguente motivazione: <<Ottenuto Movimento Interprovinciale CCNI art.7 comma 1>>. E’ corretto quanto accaduto? Grazie

Assegnazione provvisoria per docente in anno di prova: può essere chiesta solo nel grado di istruzione di titolarità

Chiara – Sono una vincitrice del concorso 2016 classe di concorso scuola dell’infanzia e appena immessa in ruolo in una provincia diversa da quella di residenza, quest’anno dovrei svolgere l’anno di prova ma qualora per motivi familiari non dovessi farcela potrei chiedere il prossimo anno assegnazione provvisoria su posto comune e /o su sostegno (possedendo anche la specializzazione)  e svolgere l’anno di prova?  Grazie

Chiedilo a Lalla

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione