Assegnazione docenti alle classi, deve essere equilibrata tra insegnanti della stessa classe di concorso

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Nelle nostre Istituzioni scolastiche, non mancano casi di docenti, la cui classe di concorso prevede l’insegnamento di diverse discipline (ad esempio la A-22: Italiano, Storia/Cittadinanza e Geografia nella scuola media), ai quali i dirigenti assegnano classi in cui insegnare uno solo degli insegnamenti previsti dalla classe di concorso. Con la conseguenza, ad esempio per chi insegna solo Storia e Geografia, di avere un numero maggiori di classi rispetto ai colleghi che insegnano pure Italiano.

I dirigenti scolastici, nei casi di cui sopra, devono prestare attenzione anche alla luce di alcune sentenze relative al numero di classi assegnate ad uno stesso docente e all’eventuale mancato rispetto dei criteri deliberati  dal Consiglio di Istituto e delle proposte del Collegio docenti.

Al riguardo ricordiamo una sentenza del Tribunale del Lavoro di Reggio Calabria, come riferisce dirittoscolastico.it, relativamente al caso di un professore di Matematica e Fisica, cui erano state attribuite 6 classi.

Il docente ricorreva in giudizio considerando eccessivo il numero di classi assegnatogli e discriminatorio rispetto agli altri colleghi, ai quali erano state attribuite soltanto 3 classi.

Il Tribunale ha accolto il ricorso.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione