Assegnazione docenti ai plessi in altro comune diverso dalla sede centrale. Decide il Dirigente scolastico?

WhatsApp
Telegram

Un’insegnante della scuola primaria ci chiede se è possibile che il suo Dirigente scolastico decida di assegnarla ad un altro plesso, del medesimo istituto comprensivo nel quale presta servizio, sito in un comune differente rispetto alla sede centrale. Chiarimenti.

Assegnazione docenti alle classi e plessi – Ordine operazioni

Il Dirigente scolastico, con atto di gestione datoriale, procede alla formulazione del decreto di assegnazione dei docenti ai plessi, alle classi:

  • sulla base di criteri generali stabiliti dal consiglio d’istituto
  • sulla base delle proposte fatte dal collegio dei docenti
  • tenendo conto di quanto pattuito e contenuto nel contratto integrativo di istituto in riferimento all’assegnazione dei docenti ai plessi di una stessa autonomia scolastica per plessi al di fuori del comune della sede centrale, seguendo i criteri della continuità didattica e salvaguardando le precedenze

Organico dell’autonomia

Com’è ormai noto, la legge n. 107/2015 ha istituito, all’articolo 1-comma 5, l’organico dell’autonomia, comprendente tutti i docenti della medesima istituzione scolastica, anche appartenenti a plessi ubicati in comuni diversi e a diversi indirizzi di studio [nel caso della scuola secondaria di secondo grado].

Come deve procedere il dirigente scolastico in caso di assegnazione dei docenti a plessi ubicati in comuni diversi rispetto a quello sede di organico? La risposta è fornita dall’articolo 3, comma 5, dell’Ipotesi di CCNI 2022/25, che ha confermato quanto previsto dal precedente CCNI 2019/22.

Assegnazione docenti in plessi ubicati in comuni diversi

Così dispone l’articolo 3, comma 5, summenzionato:

In applicazione dell’art 1 comma 5 della legge 107/15 che prevede: ’al fine di dare piena attuazione al processo di realizzazione dell’autonomia e di riorganizzazione dell’intero sistema di istruzione, è istituito per l’intera istituzione scolastica, o istituto comprensivo, e per tutti gli indirizzi degli istituti secondari di secondo grado afferenti alla medesima istituzione scolastica l’organico dell’autonomia, funzionale alle esigenze didattiche, organizzative e progettuali delle istituzioni scolastiche come emergenti dal piano triennale dell’offerta formativa, per gli anni scolastici relativi al triennio 2022/23,2023/24, 2024/25, ferme restando le prerogative dei Dirigenti scolastici e degli organi collegiali relative all’assegnazione dei docenti alle classi e alle attività, i posti di un’autonomia scolastica situati in sedi ubicate in comuni diversi rispetto a quello sede di organico sono assegnati, nel limite delle disponibilità destinate ai movimenti, salvaguardando la continuità didattica e il criterio di maggiore punteggio nella graduatoria di istituto, secondo le modalità e i criteri definiti dalla contrattazione di istituto. La contrattazione dovrà concludersi in tempi utili per il regolare avvio dell’anno scolastico di riferimento. Sono comunque salvaguardate le precedenze di cui al successivo articolo 13.

Il dirigente scolastico, dunque, tenendo conto dei criteri generali deliberati dal Consiglio di Istituto per l’assegnazione dei docenti alle classi e delle proposte del collegio dei docenti, assegna i docenti ai plessi ubicati in comuni diversi da quello sede di organico:

  • salvaguardando la continuità didattica;
  • secondo il criterio del maggior punteggio nella graduatoria di Istituto;
  • secondo le modalità e i criteri stabiliti in contrattazione di Istituto;
  • salvaguardando le precedenze di cui all’articolo 13 del CCNI [per cui ad esempio, non si può assegnare un docente in un comune diverso da quello di assistenza, se la sede di organico coincide con il predetto comune].

Conclusioni

Alla luce di quanto detto, in linea generale, è chiaro che saranno assegnati ad un comune diverso da quello sede di organico: i docenti che non hanno continuità didattica nelle classi presenti nella sede di organico; i docenti con minor punteggio nella graduatoria interna di istituto; i docenti che non usufruiscono di precedenza nel comune sede di organico. A ciò, naturalmente, si aggiungono i criteri definiti in contrattazione di Istituto.

Il nostro insegnante, protagonista del quesito postoci, non ha continuità di servizio in quanto fresco vincitore di concorso. Quindi, anche solamente seguendo il criterio della mancata Continuità, il Dirigente scolastico può procedere all’assegnazione del Medesimo presso altro plesso ubicato in comune diverso dalla sede centrale.

Assegnazione docenti ai plessi e alle classi: chi decide? Quali criteri? [GUIDA COMPLETA] – Orizzonte Scuola Notizie

Assegnazione docenti ai plessi in comuni diversi da quello sede di organico, a chi spetta e quali criteri seguire

WhatsApp
Telegram

“Come compilare il nuovo pei pagina dopo pagina”. Corso tecnico/pratico di Eurosofia a cura di Evelina Chiocca, Ernesto Ciracì, Walter Miceli