ASL, studenti protestano e delegata FAI chiede sette in condotta. Fratoianni (LeU): caso andrà in Parlamento

di redazione
ipsef

item-thumbnail

comunicato Sinistra Italiana – “Quanto denunciato dagli studenti di una classe del liceo classico Vittorio Emanuele di Napoli rasenta l’incredibile: la protesta civile per l’uso abnorme dell’alternanza scuola-lavoro ha avuto come conseguenza la sproposita reazione della locale delegata
del Fai che ha preteso provvedimenti disciplinari e addirittura il 7 in condotta a tutta la classe. Un altro episodio che se confermato confermerebbe le storture, ampiamente denunciate, dei progetti di alternanza scuola-lavoro”

Lo afferma il segretario nazionale di Sinistra Italiana Nicola Fratoianni, di Liberi e Uguali, in merito a quanto avvenuto a Napoli nei giorni scorsi in cui gli studenti chiamati al servizio di accompagnamento avrebbero protestato durante la giornata Fai dei musei aperti con cartelli di protesta.

“Ci auguriamo che la reazione del mondo scolastico – prosegue l’esponente di Leu – di fronte a questo sopruso sia forte e chiara. “

“Porteremo il caso in Parlamento affinché il Miur intervenga e si evitino provvedimenti punitivi nei confronti degli studenti. Se c’è qualcuno contro cui chiedere provvedimenti non sono certo loro, – conclude Fratoianni – anzi bisognerebbe ringraziarli per il loro impegno scolastico e civile.”

Versione stampabile
anief
soloformazione