Asili nido e mense scolastiche, monitoraggio Ciattadinanzattiva. Presentazione dati 26 ottobre

di redazione
ipsef

item-thumbnail

comunicato Cittadinanzattiva – Si terrà a Roma, il prossimo 26 ottobre, dalle ore 9.00 alle ore 13.15 presso l’Istituto della Enciclopedia Italiana – Sala Igea – Piazza della Enciclopedia Italiana 4, la presentazione dei dati del monitoraggio “Servizi in…Comune. Tariffe e qualità di nidi e mense”.

Nell’ambito delle politiche relative alla tutela della famiglia, delle fasce più deboli della popolazione e alla promozione delle pari opportunità, Cittadinanzattiva realizza da anni un monitoraggio relativo all’accessibilità, ai costi e alla qualità di alcuni servizi pubblici. Ciò anche al fine di indagare le importanti difformità territoriali nell’erogazione di servizi rivolti alla collettività e formulare proposte che consentano una pari fruizione degli stessi su tutto il territorio, garantendo ovunque gli stessi diritti.

Il monitoraggio di quest’anno ha riguardato, in particolare, due servizi a domanda individuale erogati dai comuni: asili nido e mense scolastiche. Questa scelta è legata anche alla normativa, già approvata o in fase di discussione, che recentemente sta tentando di razionalizzare entrambi i servizi. Ci riferiamo, in particolar modo, alla riforma 0 – 6 che ha aperto una strada importante verso la trasformazione di nidi e scuole dell’infanzia in servizi educativi, e al disegno di legge sulla ristorazione collettiva in discussione presso il Senato della Repubblica che si propone di riordinare la refezione scolastica, qualificandola come un servizio pubblico essenziale e accessibile a tutti.

Attraverso un’indagine nazionale sui comuni capoluogo di provincia si è voluto offrire uno spaccato della situazione dei due servizi, sia in termini di offerta che in termini di tariffe, agevolazioni, liste di attesa, qualità degli stessi. Rispetto alle mense, inoltre, una ulteriore indagine ha rilevato in un campione di scuole la percezione della qualità da parte di tutti gli attori coinvolti nel servizio.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
voglioinsegnare