Asili nido e dispersione in Sicilia: trend negativo

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Uno studio dell’osservatorio Openpolis, realizzato sui dati disponibili del 2017 rilevati dall’Istat e dall’Eurostat, ha evidenziato come in Sicilia uno studente su cinque abbandona la scuola dell’obbligo, mentre un bambino su dieci non trova posto negli asili nido pubblici.

In Sicilia la dispersione è al 20,9%, dato che la rende la seconda regione italiana per numero di giovani tra i 18 e i 24 anni ad avere conseguito al massimo un titolo di studio di terza media.

A Caltanissetta e Catania si va oltre il 25%, a Ragusa siamo al 23,8%, ad Enna al 22,9%, a Palermo al 20,4% e a Trapani al 20,3%. A Messina e ad Agrigento il dato è più basso, intorno al 16%.

Difficile anche trovare un posto al nido

Non c’è posto neanche negli asili nido: trova posto in Sicilia solo il 9% dei bambini, mentre la media nazionale è del 23% e l’obiettivo da raggiungere è il 33%.

A Palermo trova posto solo il 7,2% dei bambini, dato che colloca la città all’ultimo posto, dati negativi anche per Napoli e Bari; al Nord e al Centro ci sono dati molto più confortanti: Aosta e Bolzano sfondano quota 50%, mentre Trento, Bologna, Perugia, Roma, Cagliari e Firenze superano il 40%.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione