In arrivo 5 milioni dal MIUR per i progetti sull’orientamento

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Stanno per arrivare i fondi per 5 miliardi pervisti per l’orientamento dalla legge di stabilità 2017.

Appena sarà pubblicato il decreto registrato dalla Corte dei Conti, il MIUR pubblicherà il bando che attribuirà i fondi sulla base dei progetti presentati dalle università in collaborazione con le scuole. Ne parla il Sole24Ore.

I progetti dovranno essere destinati a integrare le azioni di orientamento all’ingresso delle università e “con particolare riferimento agli ultimi due anni di corso della scuola secondaria di secondo grado o nel periodo intercorrente tra il conseguimento del diploma e l’immatricolazione». In pista anche attività di tutorato destinate a studenti iscritti al primo o al secondo anno di un corso di laurea o di laurea magistrale a ciclo unico, «rivolte in particolare a coloro che abbiano riscontrato ostacoli formativi iniziali”.

I progetti potranno avere come oggetto laboratori per il riconoscimento delle abilità e lo sviluppo delle vocazioni, per quanto riguarda sia lo studio universitario sia gli sbocchi lavorativi; percorsi d’incontro fra docenti delle scuole secondarie e docenti universitari per lo sviluppo concertato di strategie di orientamento; sperimentazione della costruzione di prove per l’autovalutazione e la valutazione della preparazione di base degli studenti; iniziative di formazione indirizzate ai tutor per aiutarli a identificare le difficoltà degli studenti; predisposizione di materiale di supporto alle attività di tutorato, fruibile anche negli anni successivi in modo da facilitare una continuità di azione nel tempo; sviluppo di-azioni di monitoraggio per l’identificazione delle modalità più efficaci di tutorato.

Un Comitato tecnico scientifico nominato dal Miur valuterà i progetti in base a chiarezza e coerenza del progetto agli obiettivi; grado di fattibilità, adeguatezza economica e cofinanziamento diretto aggiuntivo; capacità dell’intervento di apportare un reale miglioramento rispetto alla situazione di partenza.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
voglioinsegnare