Arretrati Assegno Unico, chi sarà destinatario dei pagamenti in arrivo. Le info utili

WhatsApp
Telegram

In questi giorni i beneficiari dell’assegno unico stanno ricevendo i pagamenti per il conguaglio delle maggiorazioni relative al mese di gennaio.

L’importo è diverso rispetto alla cifra mensile e dipende dalle novità introdotte dalla legge di Bilancio 2023. Queste novità includono la rivalutazione basata sull’inflazione e le maggiorazioni per le famiglie numerose. A gennaio, i versamenti non sono stati adeguati con gli aumenti decretati per il 2023, motivo per cui le famiglie hanno ricevuto un assegno unico simile a quello del 2022.

L’Inps ha annunciato che l’adeguamento è stato applicato sia sulle quote minime e massime dell’assegno unico per ogni figlio (la quota minima è aumentata a 54,1 euro da 50 euro, mentre la massima è ora di 189,2 euro, rispetto a 175 euro), sia sulle soglie Isee che modulano gli importi.

La legge di bilancio 2023 prevede anche un incremento degli importi per i minori nel primo anno di vita e per i nuclei numerosi. La norma ha anche stabilizzato gli aumenti effettuati nel 2022 per i figli disabili maggiorenni e confermato l’incremento della maggiorazione transitoria per i nuclei con figli disabili.

Per rimanere sempre informati sul servizio, è consigliabile utilizzare l’app ‘Io’ (scaricabile sui cellulari con iOS e Android), che permette di ricevere tempestivamente eventuali comunicazioni e di modificare i propri riferimenti bancari.

Tutte le cifre aggiornate

L’importo dell’Assegno Unico varia da un minimo di 50 euro per figlio minore, in caso di assenza di Isee o con Isee superiore a 40mila euro, a un massimo di 175 euro per figlio minore con Isee fino a 15mila euro. Per i figli tra 18 e 21 anni, gli importi variano da un minimo di 25 euro al mese a un massimo di 85 euro.

L’indicizzazione influirà sia sugli importi che sulle soglie Isee. La platea dei beneficiari dell’importo minimo si ridurrà rispetto all’anno precedente, poiché l’importo minimo scatterà al di sopra di 43.240 euro di Isee e non più al di sopra di 40mila euro. La prima fascia Isee aumenterà da 15mila a 16.215 euro, mentre la seconda da 20mila a 21.620 euro.

L’importo per chi ha fino a 16.215 euro di Isee aumenterà da 175 a 189 euro, mentre per chi ha fino a 21.620 euro di Isee passerà da 150 a circa 162 euro. Per chi ha fino a 27mila euro di Isee, l’importo aumenterà da 125 a 135 euro, mentre per chi ha fino a 32mila euro di Isee, l’importo aumenterà da 100 a 108 euro. Infine, per chi ha un Isee fino a 37mila euro, l’importo aumenterà da 75 a 81 euro.

Per chi ha un Isee di 43.240 euro o più, l’importo aumenterà da 50 a 54 euro.

SCARICA LA TABELLA CON TUTTI GLI IMPORTI

WhatsApp
Telegram

Percorsi abilitanti riapertura straordinaria 60 cfu. Scadenza adesioni 24 giugno. Contatta Eurosofia