Aprea: docenti trasferiti lasciano posti vacanti al nord, altro che recuperi dal 1 settembre

Stampa

La responsabile nazionale del Dipartimento Istruzione di Forza Italia critica le misure realizzate dal governo e chiede alla ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, di agire presto sull’organico. 

La responsabile nazionale del Dipartimento Istruzione di Forza Italia critica le misure realizzate dal governo e chiede alla ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, di agire presto sull’organico.

“Siamo stati facili profeti quando noi di Forza Italia abbiamo suggerito alla Ministra Azzolina di non attivare durante la fase di emergenza le procedure di mobilità e di selezioni dei docenti. In queste ore apprendiamo che sono almeno 85 mila i docenti trasferiti lasciando numerosi posti vacanti al nord. Altro che recupero e consolidamento degli apprendimenti dall’1 settembre”.

“Se poi – prosegue – a questi movimenti si aggiungono le selezioni annunciate per concorsi già banditi e le nomine per la copertura dei 50 mila posti a tempo determinato, è chiaro che la Ministra Azzolina ha creato una nuova emergenza che si aggiunge a quella, purtroppo, determinata dai vincoli imposti alle scuole dalla diffusione del Covid-19. Condividiamo e sottoscriviamo la preoccupazione delle famiglie, degli studenti, dei Dirigenti e dei Sindacati delle scuole e chiediamo alla ministra Azzolina e al governo di porre in essere tempestivamente azioni per scongiurare nuove e insormontabili difficoltà alla ripresa delle lezioni a settembre”

Stampa

Graduatorie terza fascia ATA: incrementa il punteggio con le offerte Mnemosine, Ente accreditato Miur