Approvata in Commissione la risoluzione sui corsi di riconversione sul sostegno degli insegnanti in esubero. Serve grande impegno per ridurre strutturalmente la precarietà

Di
WhatsApp
Telegram

Russo (Pd) – "Nel pomeriggio di oggi, in commissione cultura della Camera, é stata approvata la risoluzione sui corsi di riconversione sul sostegno degli insegnanti in esubero che porta, come prima, la mia firma. La risoluzione é frutto della convergenza delle risoluzioni di PD-UDC e del PDL", lo rende noto il deputato PD Tonino Russo.

Russo (Pd) – "Nel pomeriggio di oggi, in commissione cultura della Camera, é stata approvata la risoluzione sui corsi di riconversione sul sostegno degli insegnanti in esubero che porta, come prima, la mia firma. La risoluzione é frutto della convergenza delle risoluzioni di PD-UDC e del PDL", lo rende noto il deputato PD Tonino Russo.

"Rispetto alla impostazione originaria -prosegue il deputato democratico- abbiamo accolto l’invito alla riformulazione richiesto dal governo che mantiene comunque inalterato lo spirito e le richieste avanzate nel testo della risoluzione. Tuttavia, non potevamo non ritenere fondate alcune osservazioni e rassicurazioni fornite dal governo. Infatti, se l’anno prossimo dovessero tenersi corsi di riconversione sul sostegno riguarderebbero un numero di docenti in esubero che andrebbe da un minimo di 1.200 unitá ad un massimo di 1.550. Ovviamente, questi numeri sono molto lontani dalle 15.000 unità, di cui si parlava inizialmente, e sono facilmente riassorbibili dal costante aumento di richieste di servizio da parte delle famiglie. Come é noto, negli ultimi anni la richiesta si é accresciuta del 4,4% sul totale, al punto che ci sarebbero in atto oltre 7.000 docenti sul sostegno, soprattutto nel centro-nord, che insegnano senza titolo di specializzazione. Inoltre, va detto che le oltre 23.000 immissioni in ruolo che si avranno il prossimo anno, libereranno verosimilmente alcune altre migliaia di posti che ci consentono di prevedere con buoni margini di sicurezza che nessun insegnante precario sul sostegno perderà il posto di lavoro".

"Rispetto alla qualità dei corsi, che tanto ci preoccupa, ci conforta il concorso ed il coinvolgimento nella eventuale predisposizione degli stessi delle principali associazioni delle famiglie dei ragazzi e dei bambini con disabilità. Insomma, siamo molto lontani dalla situazione iniziale in cui il ministero ed il ministro facevano tanta confusione sui numeri provocando parecchie preoccupazioni. Il tempo intercorso è dunque servito a trovare un buon punto di equilibrio. Per quanto ci riguarda, adesso si apre un’altra questione sulla quale dimostreremo il nostro impegno: elevare almeno fino ad 85% il tetto di posti stabili in organico.

"Secondo la legge, attualmente, i posti stabili in organico di diritto possono raggiungere un tetto pari al 70%. Noi crediamo -conclude Russo- che ci si debba sforzare di ridurre strutturalmente la quota di precarietà a non più del 15% dimezzandone, quindi, la portata attuale".

Lo speciale dedicato alla ricoversione

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur