Apprendistato per il rilancio dell’occupazione giovanile. D’accordo Confartigianato e Ministro

di Lalla
ipsef

red – La Confartigianato ha pubblicato il rapporto che denuncia il record negativo per l’Italia, con 1.138.000 under 35 senza lavoro. A stare peggio i ragazzi fino a 24 anni: il tasso di disoccupazione in questa fascia d’età è del 29,6% rispetto al 21% della media europea. Dichiarazione del ministro Gelmini "abbiamo risposto all’emergenza disoccupazione realizzando un’integrazione sempre più stretta tra istruzione e mondo del lavoro".

red – La Confartigianato ha pubblicato il rapporto che denuncia il record negativo per l’Italia, con 1.138.000 under 35 senza lavoro. A stare peggio i ragazzi fino a 24 anni: il tasso di disoccupazione in questa fascia d’età è del 29,6% rispetto al 21% della media europea. Dichiarazione del ministro Gelmini "abbiamo risposto all’emergenza disoccupazione realizzando un’integrazione sempre più stretta tra istruzione e mondo del lavoro".

Confartigianato sottolinea che "Una strada per facilitare l’ingresso dei giovani nel mercato del lavoro è rappresentata dall’apprendistato. Secondo la rilevazione di Confartigianato gli apprendisti in Italia sono 592.029. In particolare l’artigianato è il settore con la maggiore vocazione all’utilizzo di questo contratto: il 12,5% delle assunzioni nelle imprese artigiane avvengono infatti con l’apprendistato, a fronte del 7,2% delle aziende non artigiane.

“La riforma dell’apprendistato voluta dal Ministro Sacconi – sottolinea il Segretario Generale di Confartigianato Cesare Fumagalli – potrà contribuire a ridurre la distanza tra i giovani e il mondo del lavoro. Da un lato, i ragazzi potranno trovare nuove strade per imparare una professione, dall’altro le imprese potranno formare la manodopera qualificata di cui hanno necessità”.

Seguono le parole del Ministro: "L’indagine presentata oggi da Confartigianato sulla disoccupazione giovanile in Italia sottolinea l’importanza di alcune misure già messe in atto da questo governo, come quelle sull’apprendistato. Il contratto di apprendistato permetterà infatti l’acquisizione di una qualifica professionale triennale per i giovani valorizzando l’apprendimento sui luoghi di lavoro, realizzata per la prima volta in Italia,
dagli Istituti tecnici superiori che partiranno a settembre. Gli Its forniranno infatti ai giovani competenze specifiche e una preparazione adeguata alle reali e attuali esigenze del mondo del lavoro."

Il rapporto Confartigianato

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione