Apprendistato Eni-Enel: progetti, tempistica e somme stanziate per ciascuna regione. Il decreto Miur

Stampa

Il Miur ha pubblicato la nota n. 11637 del 20/10/2016, con la quale ha trasmesso il Decreto Dipartimentale n. 1068  del 19/10/2016, avente per oggetto “Criteri e parametri per l’assegnazione diretta alle istituzioni scolastiche nonché la determinazione delle misure nazionali relative alla missione Istruzione Scolastica a valere sul Fondo per il funzionamento delle istituzioni scolastiche”.

Il decreto definisce gli indirizzi per la realizzazione e la valutazione dei progetti, presentati dalle istituzioni scolastiche di secondo grado e relativi a percorsi in apprendistato per il conseguimento del titolo di istruzione secondaria superiore, la cui finalità è di promuovere e consolidare l’offerta formativa (PTOF) degli Istituti.

Il decreto, inoltre,  ripartisce per ambiti regionali, secondo l’allegata tabella,  lo stanziamento € 1.000.000,00 (un milione/00) a valere sulle risorse di cui al comma 1 dell’art. 22 del decreto 663/2016.

I progetti ammissibili sono quelli da svolgere nelle regioni sede dei percorsi sperimentali di apprendistato, frutto degli accordi nazionali con ENEL ed ENI: Basilicata, Calabria, Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Lombardia, Sardegna, Sicilia, Toscana e Veneto .

I progetti devono prevedere una articolazione per linee di attività:

1. azioni a supporto dell’ ampliamento dell’offerta formativa di apprendistato;
2. azioni per la modellizzazione del sistema.

Sono azioni prioritarie a supporto dell’ ampliamento dell’offerta formativa di apprendistato:

  • la formazione del tutor formativo (almeno 5 docenti per ogni scuola);
  • la progettazione di moduli formativi che sviluppino competenze di base, trasversali, professionali in co-progettazione con le aziende disponibili ad attivare contratti di apprendistato (fino ad max di 40 ore per scuola) informazione/diffusione a fini orientativi;
  • produzione di materiale formativo/informativo.

Le proposte possono essere presentate dagli Istituti Tecnici di Stato e/o Istituti Professionali di Stato afferenti ad un Polo tecnico professionale, anche appartenenti a PTP diversi, oppure costituiti in rete.

Le proposte per essere ammissibili devono essere presentate da un partenariato di almeno quattro scuole ivi compresa la scuola sede di sperimentazione ENEL/ENI. Possono far parte del partenariato rappresentanti del mondo del lavoro, parti sociali, esperti del mondo accademico/centri di ricerca, istituzioni formative, Regioni, Enti Locali.

La scuola sede di sperimentazione ENEL/ENI può partecipare a più progetti.

TEMPISTICA

Entro il 28 ottobre 2016, gli UU.SS.RR. pubblicheranno gli appositi avvisi

Entro il 25 novembre 2016, le scuole invieranno le proprie candidature all’USR di competenza

Entro il 12 dicembre 2016, le apposite Commissioni valuteranno le proposte progettuali

Entro il 16 dicembre 2016, pubblicazione da parte degli UU.SS.RR. delle graduatorie delle scuole partecipanti

Terminate le suddette operazioni  e dopo che gli UU.SS.RR. invieranno le graduatorie alla Direzione Generale per gli ordinamenti scolastici e valutazione del sistema di istruzione, quest’ultima procederà all’assegnazione ed erogazione alle scuole delle risorse finanziarie.

Nota e Decreto dipartimental e Allegato A con ripartizione somme per regione per regione

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur