Appello Istituzioni educative: carenza di organico e tendenza ad assumere personale non statale

di Lalla
ipsef

inviato in redazione – Un appello delle RSU per far conoscere la situazione di caos dovuta alla carenza di organico e dalla succedanea tendenza volta ad istituire bandi per assumere personale non statale, per assolvere ai compiti del personale educativo.

inviato in redazione – Un appello delle RSU per far conoscere la situazione di caos dovuta alla carenza di organico e dalla succedanea tendenza volta ad istituire bandi per assumere personale non statale, per assolvere ai compiti del personale educativo.

"Noi sottoscritti, Educatori e Docenti, lavoratori della scuola, da anni impegnati nelle Istituzioni Educative, denunziamo

A. che è in atto un tentativo di sabotaggio dal basso del ruolo pubblico educativo e docente: alcuni dirigenti scolastici stanno emettendo bandi illeciti e palesemente illegittimi, per lavoro sostitutivo di quello disponibile attraverso le graduatorie del personale educativo dei convitti;
B. la proposta inserita nel DL 104, il DL scuola ora in Parlamento, che dopo il taglio del tempo prolungato della Riforma Gelmini, prevede un programma integrativo per aprire (poche) scuole, d’estate o al pomeriggio… attraverso personale non docente e non abilitato, privato, che svolgerebbe sottopagato le stesse attività proprie per legge ai Docenti e agli Educatori!

Questa contemporaneità non è un caso: questo è solo un ennesimo attacco al ruolo pubblico docente ed educativo, qualcuno tenta di scardinare le norme e le garanzie proprie del sistema educativo pubblico, per abbattere la qualità dei servizi e appropriarsi del patrimonio dell’Istruzione pubblica statale.

Chiediamo pertanto ai sindacati

· di comprendere il rischio insito in simili proposte per i colleghi docenti e per tutta la scuola pubblica, e di lottare uniti in ogni sede contro tale rischio
· le necessarie impugnative locali, e un’immediata circolare MIUR che dettagli il divieto di concepire bandi simili per lavoro sostitutivo a quello di docenti ed educatori
· di sostenere il nostro no deciso all’internazionalizzazione e alla privatizzazione surrettizia dei Convitti (dal tentativo di ottenere il Gradimento del personale, fatto dai Rettori nell’art. 57 del decreto legge semplificazioni del Governo Monti, testo non definitivo del 27/1/12, a quello di giugno 2012 nella proposta sul merito di Profumo, fino all’idea dei Collegi Internazionali attraverso privatizzazioni)

Chiediamo a tutti i sindacati nazionali della Scuola, AL MINISTRO CARROZZA e A TUTTI I PARLAMENTARI

· come sostenuto nella relativa interrogazione parlamentare sull’uso dei relativi fondi UE (presentata da on. Giordano il 16/07/2013), che a svolgere le attività estive e/o pomeridiane di inclusione e integrazione, di studio e socialmente aggregative in scuole pubbliche siano gli Educatori e i Docenti legittimamente abilitati e inseriti nelle graduatorie di merito, come da sempre previsto per legge, e in alcun modo personale privato non assunto tramite i legittimi concorsi pubblici
· di sostenere l’avvio di un vasto programma pubblico di investimenti e di pianificazione del sistema educativo e d’istruzione pubblica, in cui i convitti avrebbero una loro funzione specifica, con l’avvio di un nuovo processo legislativo che riscriva la vita e i rapporti umani e di lavoro nelle istituzioni educative in una società che vogliamo democratica
· un decreto attuativo dell’art. 4/ter della legge 333/01 che specifichi il portato innovativo della graduatoria unica e sbarri definitivamente la strada ai salti all’indietro compiuti dai dirigenti scolastici e rappresentati da applicazioni discriminatorie e sessiste della norma.

Il programma di privatizzazione e internazionalizzazione dei convitti, introdurrebbe pericolose sperimentazioni sui rapporti di lavoro, in chiave strettamente aziendalistica, nella scuola; e il nostro, colleghi docenti ed educatori, è un ruolo pubblico, statale ed obbligatorio.

Per il personale educativo
Rsu Flc Cgil Vittorio Balestrieri, Convitto Nazionale V. Emanuele, Napoli
Rsu UIL Demetrio Buccarella, Convitto Nazionale Maria Luigia, Parma
Rsu CISL Antonio Cavuoti, Convitto Nazionale Cicognini Prato
TA UIL Mauro Concilio, Convitto Nazionale Foscarini, Venezia
TA UIL Salvatore Cosentino, Educandato SS. Annunziata, Firenze
Rsu Antonio D’Auria, Convitto Nazionale Cicognini Prato, USB Pubblico Impiego-Scuola
Rsu UIL, Mario Aldo Pirillo, Educandato Statale Santissima Annunziata, Firenze
Rsu Flc Cgil Sara Venuti, Educandato Statale Collegio Uccellis, Udine
Rsu Flc Cgil Michelangelo Dettori, Convitto Nazionale Umberto I Torino
RSU Cgil Stefania Lilliu, Convitto Nazionale V. Emanuele Cagliari
Educatore Marco Bencivenga, Convitto Nazionale Salerno, Amministratore Gruppo Facebook "Personale Educativo", https://www.facebook.com/groups/58809574147/"

Versione stampabile
anief
soloformazione