Un appello dal sindaco di Lampedusa:” Mandateci libri per aprire una biblioteca”. Inserito l’indirizzo

di Giulia Boffa
ipsef

GB – Il sindaco di Lampedusa, Giusi Nicolini, ha lanciato un appello sui social network per chiedere agli italiani di aiutarlo a reperire libri, anche usati, per aprire una biblioteca nell’isola, che ne è sprovvista.

"L’idea ci è venuta qualche mese fa – spiega il sindaco –  quante volte siamo costretti a recarci sulla terraferma per comprare un libro. Così ho pensato di lanciare un appello".

GB – Il sindaco di Lampedusa, Giusi Nicolini, ha lanciato un appello sui social network per chiedere agli italiani di aiutarlo a reperire libri, anche usati, per aprire una biblioteca nell’isola, che ne è sprovvista.

"L’idea ci è venuta qualche mese fa – spiega il sindaco –  quante volte siamo costretti a recarci sulla terraferma per comprare un libro. Così ho pensato di lanciare un appello".

"Lampedusa non ha una biblioteca e neppure un negozio dove potere acquistare libri. Voi ci vivreste mai in una città dove non è possibile comprare libri? Io non ci credo! Quindi se in giro per casa avete libri, di qualsiasi genere, che non leggete o avere già letto e di cui volete sbarazzarvi, aderite all’iniziativa".

Il sindaco ha incontrato a Roma il ministro della Pubblica Istruzione, Maria Chiara Carrozza per parlare di scuola. "Non abbiamo neppure una biblioteca per i bambini – dice – Ma stiamo lavorando alla sua realizzazione, speriamo di poter fare presto".

 

Questo è l’indirizzo per la spedizione: VIA CAMERONI, 92010 LAMPEDUSA (AG).

Versione stampabile
anief anief voglioinsegnare