Appello al ministro per i vincitori 2016 della Classe di Concorso A037. Lettera

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Inviato da Stefania Leoni – Egregio Signor Ministro, con la presente le scrivo in qualità di insegnante vincitrice nella Regione Lazio del Concorso Docenti 2016 per la classe di concorso A037 – Scienze e tecnologie delle costruzioni, tecnologie e tecniche di rappresentazione grafica, per sottoporre alla sua attenzione lo scempio silenzioso che si sta consumando su questa materia, sottaciuto ai media ed alle masse.

La graduatoria di merito è formata da n.22 vincitori + n.2 idonei e, essendo datata 19/05/2017, il primo anno scolastico utile per le immissioni in ruolo è stato il 2017-2018, anno in cui dovrebbero essere entrati in ruolo n.9 docenti, di cui n.6 proprio dalla suddetta graduatoria e n.3 dalle GaE.

Si sperava ancora meglio per il prossimo anno scolastico, ed invece pochi giorni fa il comunicato che per il 2018-2019 sulla A037 nella Regione Lazio non ci saranno nuove immissioni, con la pubblicazione di un Decreto di Errata Corrige (m_pi.AOOUSPRM.REGISTRO-UFFICIALEU.0016818.03-08-2018) che ha tolto anche i n.2 posti paventati in precedenza, dopo giorni passati a rincorrere notizie più o meno attendibili su posti più o meno fantasma.

Le lascio immaginare la delusione e la rabbia scaturite dall’ufficialità di questa triste notizia. Personalmente non sono un’esperta di quella legislazione scolastica che riguarda la regolamentazione di pensionamenti, mobilità e nomine in ruolo, ma francamente sto facendo fatica a star dietro a questi numeri, considerando che nel corso delle ultime settimane avevo letto di più di 10 pensionamenti nella regione Lazio e di diverse mobilità. Di conseguenza vorrei allora anche cercare di capire in base a quali parametri siano state fatte le stime dei posti disponibili messi a bando nel 2016, visto che è stato sufficiente un anno per disattenderle in maniera così plateale. D’altro canto, è possibile che ci sia stato un numero così alto di perdenti posto? E, anche se così fosse, non avrebbe dovuto esserci una più equa ripartizione tra mobilità e posti riservati per le immissioni in ruolo?

Mi perdoni ma se sono arrivata fino al punto di scriverLe è perché la situazione è davvero seria. Ho lottato e lavorato duramente per superare un Concorso altamente selettivo e, stando così le cose, anche la proroga di un anno della validità della graduatoria di merito sembra semplicemente un palliativo che risolverà ben poco. In aggiunta, la beffa di sapere che in altre regioni i vincitori del Concorso 2018 saranno con tutta probabilità assunti ancor prima di noi.

Signor Ministro, Lei che è stato un docente prima ancora di essere un politico, Le chiedo aiuto per fare chiarezza su questa situazione e soprattutto La prego di trovare una soluzione che tuteli noi vincitori e ci garantisca, in tempi umani, quanto abbiamo guadagnato con il sudore e la fatica.

Ringraziandola anticipatamente per l’attenzione,

Distinti Saluti

Stefania Leoni

Versione stampabile
anief
soloformazione