Appalti pulizie scuole, oggi presidio davanti al MIUR. Rischiano il posto in 24mila

di redazione
ipsef

red – Il Ministero taglia gli appalti per le pulizie e oggi, alle ore10,  presidio dei Co.co.co. ex Lsu assimilati Ata in viale Trastevere organizzato da Felsa Cisl Nidil Cgil Uil [email protected]

red – Il Ministero taglia gli appalti per le pulizie e oggi, alle ore10,  presidio dei Co.co.co. ex Lsu assimilati Ata in viale Trastevere organizzato da Felsa Cisl Nidil Cgil Uil [email protected]

A rischio 24mila operatori che dal 1 gennaio 2014 rischiano di trovarsi senza lavoro. "L’iniziativa – scrivono i sindacati in una nota – nasce a seguito del lungo silenzio da parte del ministro Carrozza e dalla mancata apertura del confronto più volte richiesto da parte delle organizzazioni sindacali ma anche dai rappresentanti delle istituzioni a livello territoriale".

"L’ultima richiesta del 12 novembre scorso – continuano i sindacati – inviata al ministro è stata letteralmente inascoltata. Il 18 ottobre scorso si sono organizzate manifestazioni da parte dei lavoratori in tutte le regioni coinvolte nei quali i delegati sindacali sono stati ricevuti dai direttori scolastici e dai prefetti, tuttavia la situazione di queste persone, dopo oltre 20 anni di precarietà di vita e lavoro rimane senza una reale soluzione da parte delle istituzioni".

Prosegue la nota: "Chiediamo al ministero di fornire adeguate risposte ai lavoratori fortemente penalizzati da un sistema che per anni ha utilizzato personale precario per mantenere servizi all’interno del sistema scolastico. Non è più concepibile rinviare risposte, per questo Felsa Cisl Nidil Cgil Uil [email protected] hanno proclamato lo sciopero dei lavoratori co.co.co. ex Lsu e un presidio davanti il Miur".

Oggi, quindi, al MIUR per chiedere, scrivono, come il Ministero "intende rispettare la legge e come procedere alla stabilizzazione dei lavoratori, prevista da un Dm del 2001."

Versione stampabile
Argomenti:
soloformazione