Appalti pulizie ex LSU: concessa la cassa integrazione per i 22mila lavoratori

di Giulia Boffa
ipsef

 Il 6 agosto si è svolto  il previsto incontro presso il Ministero del lavoro per la concessione della  cassa integrazione guadagni in deroga per il 22mila lavoratori occupati negli appalti delle pulizie e decoro delle scuoleper la continuità occupazionale e la tutela del reddito in richiamo dell’accordo raggiunto il 28 marzo 2014. Lo comunica la Filcams Cgil nazionale.

 Il 6 agosto si è svolto  il previsto incontro presso il Ministero del lavoro per la concessione della  cassa integrazione guadagni in deroga per il 22mila lavoratori occupati negli appalti delle pulizie e decoro delle scuoleper la continuità occupazionale e la tutela del reddito in richiamo dell’accordo raggiunto il 28 marzo 2014. Lo comunica la Filcams Cgil nazionale.

Sarà così garantita la cassa integrazione a partire dal 1 luglio 2015,  – dopo richiesta delle aziende – per i lavoratori in precedenza sospesi dal lavoro e dalla retribuzione a causa della mancata assegnazione delle risorse da parte del MIUR.

L'Amministrazione si è impegnata a convocare entro il 2015 un tavolo di verifica per esaminare le problematiche sociali e occupazionali delle lavoratrici e dei lavoratori c.d. Ex LSU e Appalti Storici.

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione