APIDGE. Reintrodurre l’insegnamento di ‘Costituzione e cittadinanza europea’ nelle scuole

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Comunicato APIDGE – Si è svolto questa mattina, al Salone Internazionale del Libro di Torino, presso lo stand MIUR-Senato, l’incontro “A lezione di Costituzione”, in occasione delle Celebrazioni dei 70 anni della Costituzione italiana, organizzato da APIDGE, l’Associazione Professionale degli Insegnanti di Scienze giuridiche ed economiche, per puntare l’attenzione sull’insegnamento  di “Cittadinanza e Costituzione”, una materia che rischia di diventare invisibile se non ben definita e assegnata ai docenti della classe A046.

L’immagine di un uomo senza viso, inserita nella locandina dell’evento di oggi – ha dichiarato Ezio Sina, presidente APIDGE – è come quella di una materia senza dignità nei curricoli scolastici”.

L’obiettivo di cui si è discusso è reintrodurre l’insegnamento di “Cultura costituzionale, educazione civica e cittadinanza europea” nelle scuole, argomento del quale tratta il Disegno di legge che la senatrice Nadia Ginetti e l’onorevole Giovanni Pittella (PD) hanno presentato a prima firma nei giorni scorsi. Ginetti lo ha illustrato durante l’incontro di questa mattina alla presenza degli studenti di alcune scuole superiori, di Ezio Sina, presidente Apidge (Associazione Professionale Insegnanti Scienze Giuridiche ed Economiche) e di Giovanna Pentenero, assessore all’istruzione della Regione Piemonte. Durante l’iniziativa i ragazzi hanno presentato i percorsi che hanno già avviato per l’insegnamento della cittadinanza e della Costituzione nelle scuole.

Nello stesso tempo l’Associazione APIDGE ha chiesto l’introduzione della materia come insegnamento autonomo. “A questa iniziativa – ha spiegato Ginetti – è stata collegata la presentazione del disegno di legge che va in quella direzione. Io e l’onorevole Pittella riteniamo che la crisi attuale non sia soltanto istituzionale, di sistema, ma di democrazia, che ha creato una frattura tra cittadino e istituzioni. Questa situazione può essere recuperata solo a partire dall’educazione civica e dall’insegnamento del diritto nelle scuole affinché i ragazzi possano, cominciando dalla conoscenza della costituzione e del funzionamento delle istituzioni, ritrovare quel senso di appartenenza e quindi di rispetto nei confronti del Paese. Solo così potranno recuperare la fiducia ed avere una partecipazione attiva alla costruzione del processo Democratico”.

Versione stampabile
soloformazione