APEI Puglia modello per riconoscimento figura Pedagogista nella scuola

Stampa

Pedagogista Stefania Coti, vice presidente nazionale APEI – L’APEI Puglia diventa modello di ispirazione a livello nazionale per il riconoscimento della figura del Pedagogista all’interno della scuola.

E’ quanto è emerso a Lecce, durante la tavola rotonda del 22 febbraio organizzata dall’APEI (Associazione Pedagogisti Educatori Italiani), moderata da Stefania, Coti Presidente regionale APEI Puglia.

Con l’approvazione della legge regionale del 4 febbraio 2020, proposta dall’APEI, si aprono nuovi scenari per le professioni educative e si prevede finalmente l’ingresso della figura del Pedagogista all’interno della realtà scolastica al fine di garantire lo sviluppo della comunità educante. La
pedagogia, dunque, come motore di cambiamento tale da produrre un intervento educativo e non mera sanitarizzazione dei bisogni educativi di crescita e di apprendimento.

L’educazione quale diritto fondamentale da garantire dalla prima infanzia e che accompagna per tutta la crescita l’individuo. Il processo che ha portato al grande risultato, ha avuto inizio nel 2016 con il progetto pilota APEI
“Unità di pedagogia scolastica” che ha sperimentato, apportando dei miglioramenti, il titolo III della legge regionale 31 del 2009.

A seguire nel 2017, c’è stato l’inserimento dei pedagogisti nell’Avviso pubblico “Diritti a scuola”, confermati in “Tutto a scuola” nel 2018. Inoltre, l’attivazione della rete professionale APEI, che ha tracciato la linea operativa per i pedagogisti dei “Diritti a scuola”, sulla base delle “Linee guida di Pedagogia scolastica”; pubblicate da APEI sul n° 91 della rivista pedagogica “Qualeducazione” di Pellegrini Editore.

Alla tavola rotonda, sono intervenuti: il Presidente nazionale APEI Alessandro Prisciandaro che ha rappresentato l’argomento dell’educatore socio-pedagogico in ambito socio-sanitario; il Consigliere regionale Gianluca Bozzetti che ha illustrato alla numerosa platea i momenti salienti dell’iter che ha reso possibile l’approvazione unanime della legge e l’Assessore regionale all’Istruzione Sebastiano Leo che ha esposto le possibili modalità per rendere attuabile la legge e anticipato il nuovo avviso
regionale “Tutto a scuola”, che vede presenti i Pedagogisti.

Abbiamo ricevuto i complimenti da tutta Italia per quanto è stato fatto, dice Sebastiano Leo, “siamo stati pionieri sulla presenza dei pedagogisti delle scuole pugliesi sino a regolamentare la loro partecipazione ai processi educativi. L’Unità di pedagogia scolastica è ormai una realtà per un
apporto qualificato che si aggiunge a quanto ogni giorno fanno i nostri bravi docenti e tutto il personale della scuola. Grazie alla presidente regionale dell’Associazione, Stefania Coti, per i preziosi stimoli che mi ha dato e al collega Gianluca Bozzetti per l’impegno profuso sulla questione.

E’ stata una circostanza in cui maggioranza e opposizione si sono incontrate in una collaborazione positiva, sempre auspicabile”.

 

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur