Ape sociale scuola per assistenza disabili: se l’assistito muore tra la cessazione dal servizio e la decorrenza della pensione cosa accade?

di Lucrezia Di Dio

item-thumbnail

Dopo le lunghe attese per gli insegnanti che dovevano accedere all’Ape sociale delle istruzioni del MIUR è finalmente giunta la notizia che la cessazione dal servizio va comunicata entro il 20 dicembre 2017 per lasciare il lavoro il 31 agosto 2018.

Niente pensionamento anticipato, quindi, con l’anticipo pensionistico per quest’anno, quindi, per gli insegnanti che rientrano nei lavori gravosi, come quelli della scuola dell’infanzia, o per coloro che assistono un familiare con handicap grave ma c’è di più.




Un dubbio che assale proprio questi ultimi che, pur avendo visto i propri requisiti per l’accesso alla misura accettati e dovendo fornire la cessazione del servizio entro il prossimo 20 dicembre 2017, sapendo che dovranno svolgere altri 9 mes di servizio si sono posti una domanda che li lascia nel limbo dell’inertezza.

Cosa accadrà se, dopo aver presentato la domanda di cessazione dal servizio la persona cui si presta assistenza dovesse venire a mancare prima della dara di erogazione della misura il 31 agosto del 2018? L’anticipo pensionistico sarebbe erogato lo stesso o il povero insegnanto, avendo presentato domanda di cessazione dal servizio si troverebbe senza lavoro e senza pensione?

Per tutti gli alri lavoraori l’Inps aveva chiarito che i requisiti di accesso dovevano essere posseduti al momento della presentazione della domanda di approvazione dei requisiti (entro il 15 luglio 2017, quindi) ma il comparto scuola presenta l’anomalia fondo che non possiede nessun altro comparto: una volta accertati i requisiti, accettata la domanda, si deve continuare a lavorare fino alla prima finestra di pensionamento disponibile (31 agosto 2018, appunto). E proprio da qui il dubbio risolto dalla consulenza dell’Anief che ha precisato che se, anche la persona assistita dovesse venire a mancare, il docente non perderebbe l’accesso al beneficio poichè, come per tutte le altre categorie di lavoratori la presenza dei requisiti deve essere accertata al momento della presentazione della domanda.

Versione stampabile
Argomenti:
soloformazione