Aosta, i docenti non si sottopongono al tampone. I sindacati: “C’è libertà di scelta, niente caccia alle streghe”

Stampa

“La normativa vigente prevede che gli insegnanti possono scegliere tra sottoporsi al tampone o attendere il compimento della quarantena senza sottoporsi al test, prima di riprendere il servizio in presenza”

“Pertanto, l’assenza degli insegnanti in presenza, questa mattina, rispondeva a una fattispecie prevista dalla legge e gli stessi hanno espletato il proprio servizio tramite didattica a distanza, garantendo il pubblico servizio”.

A scriverlo, in una nota, sono Flc Cgil, Cisl Scuola, Savt École e Snals Valle d’Aosta, riguardo quanto avvenuto in una scuola aostana.

“Purtroppo, però – aggiungono i sindacati –, la comunicazione della scelta di non sottoporsi al test da parte degli insegnanti è giunta alla Segreteria dell’Istituzione solo nel tardo pomeriggio di ieri, cosicché non è stato possibile avvisare le famiglie in tempo utile”.

Organizzazioni sindacali che “non sono stupite di questo fatto, in quanto da tempo denunciano che sin dal principio dell’anno scolastico sono mancati protocolli chiari da parte dell’Amministrazione, più volte richiesti, atti ad assicurare l’effettiva tutela di dirigenti, insegnanti, alunni e studenti”.

Stampa

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia