Argomenti Consulenza fiscale

Tutti gli argomenti

Anticipo TFS e TFR statali: piattaforma online, come si richiedono i 45mila euro?

Stampa
TFR

Anticipo TFS, oonline la piattaforma per richiederlo. Vediamo tempistiche e procedura per ottenere i 45mila euro di anticipo.

Con un post pubblicato su Facebook il ministro Fabiana Dadone rende noto che è online la piattaforma di Funzione pubblica che rende operativa la possibilità di erogazione dell’anticipo del Tfs/Tfr.  Attualmente il sito non è ancora completo ma la Ministra rassicura dicendo che “Il sito web, con tutte le informazioni necessarie per i richiedenti, sarà via via completato nei prossimi giorni con l’elenco degli enti erogatori e soprattutto degli istituti di credito, la cui adesione fa capo alla stessa Abi.”.

Anticipo TFS, la piattaforma

La piattaforma fornisce informazione ai richiedenti, agli enti erogatori e agli istituto di credito.

La parte fondamentale, in ogni caso, sembra essere quella destinata ai richiedenti che illustra nello specifico come procedere alla richiesta e i tempi della procedura di anticipo.

Si ricorda che l’importo massimo erogabile è di 45mila euro (al lordo degli interessi).

Chi può richiedere l’anticipo?

Possono accedere all’anticipo del TFS tutti i dipendenti pubblici che hanno cessato l’attività lavorativa alle dipendenze della pubblica amministrazione per accedere alla pensione con quota 100, pensione anticipata o pensione di vecchiaia.

La domanda di certificazione a chi?

Per richiedere l’anticipo del TFS/TFR è necessario presentare all’ente erogatore la domanda di richiesta per ottenere la certificazione del diritto all’anticipazione.

Se l’ente erogatore è l’INPS si dovrò presentare richiesta all’istituto, in caso l’ente erogatore sia la propria amministrazione la domanda deve essere presentata seguendo le istruzioni messe a disposizione dall’amministrazione stessa.

Quali tempistiche per ottenere l’anticipo?

Sono necessari, dal momento che si richiede la certificazione all’ente erogatore, un massimo di 135 giorni (circa 4 mesi e mezzo, ma stiamo parlando dei tempi massimi che potrebbero, quindi, anche essere inferiori).

Dal momento di presentazione della domanda di certificazione l’INPS, o l’amministrazione, ha a disposizione 90 giorni per il rilascio o il rigetto della domanda. Se la domanda viene accettata l’INPS rilascerà la certificazione con l’ammontare complessivo del TFS spettante.

Ottenuta la certificazione il richiedente dovrà individuare la Banca a cui presentare domanda di anticipo tra quelle aderenti all’accordo ABI. Alla domanda dovrà essere allegata la seguente documentazione:

  • la certificazione del diritto all’anticipo TFS/TFR,
  • la proposta di contratto di anticipo predisposta dalla Banca
  • la dichiarazione sullo stato di famiglia i riferimenti del conto corrente sul quale accreditare l’importo finanziato.

La Banca a questo punto dovrà accettare la proposta e comunicarlo all’ente erogatore che entro 30 giorni comunicherà all’istituto di credito di aver preso in atto il contratto di anticipo.

A questo punto la Banca entro 15 giorni erogherà la somma richiesta sul conto corrente che il richiedente ha indicato nella domanda.


Prestito Anticipo TFS fino a €45000 con spread 0,40%
Clicca qui e scopri come chiederlo on line in pochi minuti
Metodo comodo e sicuro anche a distanza!


Stampa
Consulenza fiscale

Invia il tuo quesito a [email protected]
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur