ANQUAP, su riforma scuola ritardi: 200mln per il merito, rendicontazione 500 euro, regolamento contabilità e reti scuole. Sanare criticità

Stampa

Sul merito della riforma del sistema nazionale di istruzione, Anquap, l’Associazione Nazionale Quadri delle Amministrazioni Pubbliche, torna ad esprimersi.

Sul merito della riforma del sistema nazionale di istruzione, Anquap, l’Associazione Nazionale Quadri delle Amministrazioni Pubbliche, torna ad esprimersi.
“Si registrano ritardi nell’attuazione della Legge di riforma che causano difficoltà di funzionamento alle scuole e perdurano le criticità concernenti i servizi amministrativi, tecnici ed ausiliari” sottolinea Giorgio Germani, Presidente di Anquap, in una lettera indirizzata al Governo e al Ministro dell’Istruzione. “I ritardi riguardano la ripartizione del finanziamento di euro 200 milioni alle Istituzioni Scolastiche per la valorizzazione del merito del personale docente; la definizione di modalità digitali per la rendicontazione dei 500,00 euro annui assegnati ai docenti per l'aggiornamento e la formazione; alcune modifiche al regolamento di contabilità e la costituzione di reti tra istituzioni scolastiche del medesimo ambito territoriale” spiega Germani più nel dettaglio. Ritardi che l’Anquap chiede alle istituzioni di sanare.

Anche le criticità concernenti i servizi amministrativi, tecnici ed ausiliari non sono poche. Sugli organici e disciplina delle sostituzioni: “Si tratta di misure irragionevoli a fronte di un rilevante aumento qualitativo e quantitativo del lavoro (indispensabile) dei servizi strumentali di supporto alle attività didattiche. La presenza del personale di segreteria, dei tecnici e degli ausiliari, oltre che dei docenti è sempre più indispensabile, anche per non generare disfunzioni evidenti” sottolinea Germani. Secondo il quale occorre anche abrogare i commi 332, 333 e 334 della L.190/ 2015 e ripristinare la disciplina previgente; è indispensabile procedere con urgenza alle immissioni in ruolo e/o alla proroga delle supplenze sino al 31/8/2016. E ancora “bisogna trasformare le graduatorie permanenti in graduatorie ad esaurimento e procedere con regolarità periodica allo svolgimento di concorsi ordinari e riservati – sottolinea Germani- e per anche i Direttori SGA è urgente procedere con i concorsi”.

Sul personale amministrativo e tecnico denuncia anche come il continuo aggiornamento professionale e culturale sia stato spesso a proprie spese. Tra le altre criticità le scuole sottodimensionate ove non è possibile assegnare in via esclusiva un Dirigente e un Direttore, l’indennità di funzioni superiori agli Assistenti Amministrativi che svolgono le funzioni di direttore SGA, i servizi esternalizzati per pulizie e sorveglianza la cui proroga è stata recentemente censurata dall’ Anac e la condizione inadeguata dei contratti di CO.CO.CO. nelle segreterie scolastiche.

Colmare i ritardi e rimuovere le criticità è condizione utile per far compiere ulteriori passi in avanti alla buona scuola.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur