ANP: se non c’è chiamata diretta no a valutazione dirigenti

Stampa

L’Associazione Nazionale Presidi interviene ancora sulla valutazione dei dirigenti scolastici, comunicando che il tavolo di discussione al Miur sulla valutazione dei presidi è stato interrotto.

Le motivazioni? Le modifiche apportate alla legge 107/2015 dal prossimo CCNI concernente la mobilità del personale docente per l’a.s. 2017/18.

L’ANP contesta la deroga al vincolo triennale di permanenza nella provincia di assunzione e la regolamentazione (tutta da scrivere comunque) della chiama diretta. Se queste novità della legge 107/15 vengono modificate, i dirigenti rifiutano di essere valutati, in quanto vengono meno quelle che sono le “prerogative dirigenziali”.

Queste le parole di Rembado, presidente dell’Associazione:

“Ieri al Miur, l’Associazione nazionale dei presidi ha ribadito la sua posizione critica sui cambiamenti alla legge 107, soprattutto tramite l’accordo tra ministero e sindacati del 29 dicembre scorso: “L’Anp – spiega il presidente Giorgio Rembado – sostiene da sempre la valutazione della dirigenza pubblica e della dirigenza scolastica. La valutazione, però, ha significato solo se le prerogative dirigenziali consentono un effettivo e incisivo intervento nella gestione del servizio per cui si è valutati”.

Considerato che l’accordo sulla mobilità determina una riduzione dei poteri dei dirigenti scolastici, l’ANP ritiene che non ci siano le condizioni per valutare i DD.SS.:

“Poiché l’accordo politico del 29 dicembre sulla mobilità dei docenti comporta un’evidente contrazione degli strumenti a disposizione della dirigenza, Anp ritiene che siano pregiudicate le condizioni per procedere ad una corretta valutazione dell’azione dei dirigenti: “non si può pretendere di valutare i dirigenti se gli vengono tolti gli strumenti per agire – continua Rembado – non possono rispondere dei risultati se gli vengono tolte prerogative dirigenziali. Non si può depotenziare l’organico dell’autonomia con deroghe continue alla legge, vanificando l’attuazione di qualunque progettazione formativa triennale”.

Mobilità 2017, sintesi novità: preferenze e titolarità, tabella titoli, perdenti posto e precedenze

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur