Rientro a scuola, Anp: Cts chiarisca su distanza, areazione locali, mascherine, screening

C’è un altro incubo che tormenta i dirigenti scolastici. Da qualche giorno ci si è cominciati a chiedere se a settembre, il metro di distanza da rispettare in classe fra un alunno e un altro sia da considerare in posizione statica o dinamica.

Non si tratta di una sottigliezza, perché dato il movimento naturale dei ragazzi di voltarsi, alzarsi e muoversi in senso generale, la distanza da considerare fa variare il numero degli studenti per ogni ambiente. A cascata varia anche l’entità del personale scolastico da impegnare e gli ambienti da reperire per accogliere la popolazione studentesca.

L’ufficio territoriale del Piemonte, per esempio, sembra che abbia considerato due incidi differenti che variano fra loro proprio in relazione alla situazione statica o dinamica. Nel primo caso in una classe sarebbero ammessi 20 alunni; nel secondo caso non se ne potrebbero ospitare più di 12.

Per chiarire questo aspetto e porre altri quesiti su situazioni che evidentemente non sono ancora così palesi, l’associazione guidata da Antonello Giannelli ha scritto al Ministero dell’Istruzione, rivolgendosi direttamente al Cts.

Nella lettera vengono posti sette quesiti. Oltre a chiedere se il distanziamento del metro sia da intendersi in fase statica o dinamica, l’associazione vuole sapere se le mascherine saranno fornite dal commissario straordinario o se invece se ne dovranno fare carico i dirigenti scolastici.

Poi ci sono domande sulle caratteristiche dei sistemi di aerazione dei locali scolastici, sul protocollo da seguire in caso di individuazione di soggetto affetto da Covid-19, sull’utilizzo dei locali scolastici se limitato alle sole attività didattiche o aperto a quelle esterne.

Infine l’Anp vuole sapere quali sono gli eventuali programmi di screening e come avverrà l’istituzione di referenti medici presso le ASL in considerazione del fatto che le istituzioni scolastiche presenti sul territorio sono circa 8.500, le unità di personale superano il milione, gli alunni sono circa 8,5 milioni.

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia