ANP: chiarire su docenti in quarantena, che non andranno in malattia per continuare a lavorare

Stampa

Il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte in conferenza stampa con la Ministra Azzolina ha affermato, tra le altre cose, che tutto passa dalla scuola.  Antonello Giannelli, Presidente ANP, così commenta:

Da mesi andiamo ripetendo quanto sia fondamentale la riapertura delle scuole nel progetto di ripartenza del nostro Paese e diamo atto all’esecutivo di non essersi risparmiato finora. Andando nello specifico, mi auguro che siano adeguatamente disciplinate la questione delle certificazioni mediche che le famiglie dovranno esibire per far rientrare a scuola gli alunni assentatisi nonché la gestione del personale fragile o in quarantena che, per poter continuare a lavorare, non dovrà essere posto in malattia”.

Passando poi alla questione della distribuzione delle mascherine, Giannelli evidenzia che “numerosi presidi ci hanno inoltre segnalato che le mascherine consegnate finora sono sufficienti solo per pochissimi giorni, dovendo essere distribuite anche agli alunni e non solo al personale”.

Giannelli prosegue affermando che “non sono ancora stati forniti dati precisi sul numero di banchi effettivamente consegnati alle scuole: dalle poche notizie diffuse, sembrano essere pochi rispetto al numero totale di oltre 2.400.000 unità”.

Il Presidente dell’ANP così conclude: “Non possiamo che unirci all’appello ai docenti e al loro ruolo centrale nella ripresa: con loro gli studenti si potranno riappropriare delle loro scuole e ricominciare a viverle appieno. Il 14 settembre sarà comunque una giornata da ricordare per il nostro Paese.

Stampa

Didattica digitale integrata. Eurosofia ha creato un innovativo ciclo formativo per acquisire le competenze specifiche