Anno prova neoassunti, requisiti docente tutor. Chi lo nomina, come e quando

Stampa

I docenti neo assunti dovranno svolgere l’anno di formazione e prova, seguiti da un docente tutor. Chi lo designa? Quali requisiti deve possedere?

In attesa dell’annuale nota sul periodo di formazione e prova per i docenti neoassunti e che hanno ottenuto il passaggio di ruolo, recante indicazioni anche sui tutor, ricordiamo come avviene la designazione e quali requisiti devono possedere tali docenti. E’ l’articolo 12 del DM n. 850/2015, attuativo della legge n. 107/2015, a fornire disposizioni in materia.

Quando, da chi e come viene designato

La designazione del docente-tutor è di competenza del dirigente scolastico che è tenuto, al riguardo, a sentire il parere del collegio dei docenti.

Un docente tutor può seguire da uno a tre docenti al massimo neo immessi in ruolo ovvero docenti che hanno ottenuto il passaggio di ruolo.

Il docente tutor può seguire tre neo immessi in ruolo/docenti con passaggio di ruolo soltanto nel caso in cui sia impossibile reperire altri tutor. Tale impossibilità va debitamente motivata.

La designazione avviene all’inizio dell’anno scolastico, in genere, durante il primo o il secondo collegio docenti.

Requisiti tutor

Il docente tutor, nella scuola secondaria di primo e secondo grado, deve essere un insegnate appartenente alla medesima classe di concorso dei docenti neo-assunti/con passaggio di ruolo a lui affidati ovvero in possesso della relativa abilitazione.

Qualora non sia possibile designare un docente della medesima classe di concorso ovvero abilitato nella stessa classe di concorso dei docenti in anno di formazione e prova, va designato un docente appartenente ad una classe di concorso affine ovvero appartenente alla stessa area disciplinare.  Così ad esempio:

  1. nel caso vi sia un docente neoassunto nella A-12 e non sia possibile designare un tutor della medesima classe di concorso, è possibile designare un docente appartenente alla A-11 (in questo caso la designazione avviene per classe di concorso affine);
  2. nel caso vi sia un docente neoassunto nella A-25 “lingua inglese” scuola secondaria di primo grado e non sia possibile designare un tutor della medesima classe di concorso, è possibile nominare un docente di lingua francese; nel caso tale designazione non sia possibile, si può designare un docente appartenente alla A-22 (in quest’ultimo caso la designazione avviene per area disciplinare, ossia  area linguistica).

L’impossibilità a nominare un docente tutor della medesima classe di concorso del docente in anno di formazione e prova va debitamente motivata.

Criteri prioritari per la designazione

Ai fini della designazione, il dirigente scolastico deve seguire come criteri prioritari:

  1. il possesso di uno o più tra i titoli previsti dall’allegato A al DM 11 novembre 2011 – Tabella 1;
  2. il possesso di adeguate competenze culturali, comprovate esperienze didattiche, attitudine a svolgere funzioni di tutoraggio, counseling e di supervisione professionale.

I criteri succitati vanno seguiti sia in presenza di più disponibilità a svolgere la funzione di tutor che in assenza di tale disponibilità, in quanto il DM 850/2015 non fa alcuna distinzione al riguardo e parla soltanto di designazione da parte dirigente scolastico.

I titoli indicati nel succitato allegato A sono quelli di servizio e quelli culturali e professionali.

Questi i titoli culturali e professionali:

  • titolo di dottore di ricerca in ambito inerente agli specifici contenuti disciplinari della relativa classe di abilitazione;
  • attività di ricerca scientifica sulla base di rapporti a tempo determinato costituiti ai sensi dell’articolo 51, comma 6, della legge 27 dicembre 1997, n. 449 ovvero dell’articolo 1, comma 14, della legge 4 novembre 2005, n. 230 svolta per almeno due anni, anche non consecutivi, in ambito inerente agli specifici contenuti disciplinari della relativa classe di abilitazione;
  • pubblicazioni o altri titoli di studio strettamente inerenti ai contenuti disciplinari della classe di abilitazione, questi ultimi di durata non inferiore a 60 crediti formativi universitari.

Stampa

Didattica inclusiva attraverso alcune figure del mito greco. Corso online riconosciuto dal Ministero dell’istruzione