Anno prova neoassunti, docenti in maternità: peer to peer via skype o attività con bonus 500 euro per completare 50 ore formazione

di Nino Sabella
ipsef

item-thumbnail

Il superamento dell’anno di prova e formazione, com’è noto, è subordinato allo svolgimento di 180 giorni di servizio, di cui 120 almeno di attività didattica, fermo restando lo svolgimento delle altre attività previste. 

Cosa succede se una docente, a causa dell’astensione obbligatoria per maternità, non possa completare le 50 ore di formazione prevista? La risposta è fornita dall’USR Emilia Romagna.

Attività di formazione

Ricordiamo che le attività e le ore di formazione sono così articolate:

  • incontri propedeutici e di restituzione finale (6 ore);
  • laboratori formativi (12 ore);
  • “peer to peer” e osservazione in classe (12 ore);
  • formazione online (20 ore).”

Docenti in congedo obbligatorio per maternità

Secondo il succitato USR, ai fini del completamento delle 50 ore di formazione obbligatoria, per i soli casi di congedo obbligatorio per maternità, è possibile computare anche attività formative riconosciute qualificanti dal Dirigente Scolastico e correlate al Patto per lo sviluppo professionale, quali ad esempio:

  • attività formative o peer to peer a distanza (web, skype, …);
  • attività attivate dall’istituzione scolastica o da reti di scuole (come previsto dall’articolo 5, comma 3, del DM 850/2015;
  • attività fruibili attraverso l’utilizzo della Carta del Docente (bonus 500 euro).

nota USR Emilia Romagna

Versione stampabile
anief
soloformazione