Formazione neo Dirigenti Scolastici: il ruolo del tutor e le attività di accompagnamento

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Pubblicato il decreto che disciplina l’anno di prova dei dirigenti scolastici neoassunti: tutor e attività di accompagnamento.

Dirigenti scolastici neoassunti, anno di prova, formazione e valutazione. Decreto Miur

Percorso

Il percorso, delineato dal DM 956/2019 e che dovranno seguire i dirigenti scolastici neoassunti a.s. 2019/20, si articola nelle seguenti attività:

  1. attività di accompagnamento, tutoraggio, consulenza professionale, avvalendosi della collaborazione di dirigenti scolastici con funzioni di tutor;
  2. attività di formazione.

Tutor

Ad ogni dirigente scolastico neoassunto verrà assegnato un tutor.

Il tutor è individuato dal Direttore Generale o dal Dirigente titolare dell’USR tra i dirigenti con riconosciuta qualificazione professionale ed esperienza, con l’attitudine a svolgere funzioni di tutoraggio, counseling, supervisione professionale.

Un tutor può seguire al massimo tre dirigenti neoassunti.

Attività di accompagnamento

Le attività di accompagnamento, di cui sopra, hanno una durata di 25 ore, sono correlate al calendario delle scadenze più significative della scuola e costituiscono un ideale cronoprogramma su cui basare il confronto e gli approfondimenti tra tutor e dirigente scolastico neoassunto.

I momenti di confronto con il tutor devono fare riferimento a modalità collaborative quali ad esempio le attività di:

  • “peer review”
  • tutoring
  • supporto
  • consulenza

Il cronoprogramma degli impegni deve riferirsi alle seguenti attività e scadenze:

  • operazioni connesse con l’avvio dell’anno scolastico;
  •  organizzazione del lavoro del personale (piano annuale, funzionigramma, ecc.);
  • definizione della Contrattazione di Istituto e delle forme di incentivazione del personale;
  •  elaborazione del Piano delle azioni formative di istituto, compresi gli impegni per l’anno di formazione del personale docente neo-assunto;
  •  cura per la sicurezza e la prevenzione dei rischi;
  •  rapporti con il DSGA, con riguardo alla gestione amministrativo-contabile dell’istituto;
  • predisposizione delle diverse fasi relative alle iscrizioni degli alunni;
  •  programmazione degli organici del personale;
  • gestione delle diverse fasi della valutazione, dal sistema degli scrutini e degli esami ai rapporti con l’INVALSI

Le attività di accompagnamento sopra illustrate possono svolgersi in piccoli gruppi o individualmente.

Versione stampabile
soloformazione